Tempesta Dennis in Gran Bretagna: 3 morti e un disperso

in Ambiente/Esteri

La tempesta Dennis si è abbattuta sulla Gran Bretagna nelle scorse ore, provocando numerosi danni, e tre vittime. Le immagini che ci giungono dall’oltre Manica sono eloquenti, e il web è stato inondato nelle ultime ore di filmati a dir poco da brividi, come quello (che trovate più in basso) con protagonista un gigantesco Airbus A380 dell’Etihad Airways, che atterra di traverso, non senza difficoltà, all’aeroporto Heathrow di Londra a causa delle violentissime raffiche di vento. In un altro filmato, direttamente dalla Scozia, si vede invece un traghetto sull’isola di Arran che ondeggia in maniera decisamente pericolosa, e sbattuto contro la terraferma anche in questo caso a causa del forte vento. Una situazione di disagio quella che sta vivendo in queste ore il Regno Unito ma anche la Francia nord-occidentale, tra l’altro ad una settimana da un’altra tempesta violenta, leggasi Ciara. Le autorità britanniche hanno fatto sapere che Dennis è potenzialmente mortale, ed in effetti fino ad oggi sono già tre i morti provocati dal maltempo, con l’aggiunta di una donna invece dispersa.

TEMPESTA DENNIS: 300 ALLERTA ALLUVIONI EMESSI

300 gli allerta alluvioni emessi in tutto il paese, di cui sette definiti gravi, quattro in Inghilterra e tre nel Galles. Sempre nel Galles del Sud è stato emesso un allarme rosso precipitazioni, il primo dal 2015 ad oggi. Massiccio l’intervento delle autorità, con la polizia al lavoro senza sosta per mettere in sicurezza le popolazioni nelle zone isolate a causa delle inondazioni, garantendo loro assistenza. Allestiti anche dei centri di emergenza per coloro che hanno dovuto lasciare la propria abitazione, e nel contempo sono stati diramati avvisi per evitare il panico. Per quanto riguarda le tre vittime di cui sopra, la polizia non le collega direttamente alla tempesta Dennis, ma potrebbe essere stato proprio il maltempo ad averle causate. Il primo corpo è stato recuperato in mare sulle coste del Kent, mentre un uomo di 60 anni è morto dopo essere caduto nel fiume Tawe, nel Galles del sud. Infine, un terzo corpo è stato recuperato in mare dopo che era caduto da una petroliera al largo delle coste di Margate. ilsussidiario.it

Ultime da Ambiente

Vai a Inizio pagina