Il Marocco decide di castrare chirurgicamente gli stupratori e porre fine alla loro vita sessuale

in Diritti Umani/Esteri

Sembra che l’incidenza dei casi distupro e dei tentativi di mostrare pubblicamente l’assalto nelle strade pubbliche o in luoghi bui, abbia spinto il governo guidato da Saad al-Din al-Othmani, a mettere in atto una legge urgente che prevede la castrazione chirurgica degli stupratori, la rimozione permanente dei testicoli o l’iniezione di un ormone che elimina i loro desideri sessuali.

Con questa nuova legge, il Marocco si sta rivolgendo a paesi simili che hanno scelto la castrazione per porre fine alle vergognose avventure sessuali di stupratori, come la Macedonia e la Russia che hanno deciso questa punizione nel 2012, l’Indonesia e la Corea del Sud, mentre i cechi hanno proceduto alla castrazione rimuovendo chirurgicamente i testicoli.

Gli osservatori ritengono che questa nuova legge per la castrazione di persone violentate chirurgicamente causerà significative controversie e polemiche: da un lato, ci sono le associazioni per i diritti umani che accolgono questo passo perché stanno rispondendo alle loro precedenti richieste e sarà un passo importante per ridurre efficacemente i casi di stupro di bambini e minori.

Secondo queste associazioni che difendono i diritti dei bambini e delle donne, un’azione decisiva come questa, che elimina il desiderio sessuale dello stupratore, sarà una motivazione per coloro che si sono implorati di stuprare bambini o minori o donne impotenti, di pensare mille volte prima di intraprendere questo crimine.

La legge di intervento chirurgico per uno stupratore in Marocco, arriva per l’insufficienza delle attuali leggi penali, come il capitolo 484 del codice penale. Dailynews

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina