Con iOS 13.4 l’iPhone diventa la chiave della nostra auto

in Attualita'/Italia

CarKey permetterà di aprire, chiudere e avviare le vetture anche se il dispositivo è spento e senza bisogno di sbloccarlo

Difficile eccitarsi per l’aggiornamento di un sistema operativo ma stavolta Apple ha di che far parlare di sé. L’azienda californiana ha appena rilasciato la beta di iOS 13.4 e la novità che batte tutte le altre è una sola: l’iPhone diventa una chiave per aprire la macchina. Nel codice del programma si trova infatti un’Api chiamata CarKey. Come le normali chiavi delle vetture permetterà di aprire, chiudere e perfino avviare l’auto quando il telefono o l’Apple Watch sono vicini ad essa.

La chiave digitale

Già ora diversi marchi permettono di usare lo smartphone come una chiave ma generalmente si basano su app proprietarie. Analizzando il codice di iOS 13.4 invece si vede che CarKey funzionerà come Wallet. La chiave virtuale sarà quindi visualizzata come una scheda accanto alle carte di credito, ai biglietti del cinema e dell’aereo e, grazie a una funzione simile all’attuale «Carta rapida dei trasporti», opererà anche se iPhone o Watch sono spenti e senza bisogno del FaceID . Da tempo infatti iOS permette di connettersi ai tornelli di accesso dei mezzi pubblici senza alcuna convalida da parte nostra, senza dover riattivare o sbloccare il dispositivo né aprire un’app. Insomma, se tutto sarà confermato, CarKey sarà proprio come una chiave.

Condividere l’accesso

Da ultimo, le righe di codice analizzate da 9to5mac segnalano che sarà possibile condividere l’accesso anche ad altri dispositivi iOS dotati di Wallet. In questo caso la chiave si trasferisce momentaneamente a un altro iPhone o Watch, pensiamo per esempio a quelli di famigliari o degli amici, con la possibilità di ritirare il permesso in qualsiasi momento.

Serve l’Nfc

Va da sé che il sistema funzionerà solo con auto dotate di lettore Nfc, la tecnologia che permette il passaggio di informazioni «al contatto», e soprattutto con i marchi che aderiranno all’iniziativa. Trattandosi di Apple, però, è difficile che qualcuno rinunci a questa possibilità. corriere.it

Ultime da Attualita'

Vai a Inizio pagina