Il voto nei Comuni del bolognese: Bonaccini vince in 43, Borgonzoni in 12

in Politica

Stefano Bonaccini ha stravinto a Bologna contro Lucia Borgonzoni. Ma come sono andate le cose nei Comuni del bolognese? Hanno votato alle stesso modo i cittadini che abitano subito alle porte della città o quelli che stanno più lontani in pianura o sull’Appenino? A mettere sul piatto un’analisi è la Città metropolitana di Bologna, che ha preparato anche un’infografica che mostra il confronto tra il risultato delle elezioni europee del 2019 e le regionali di domenica scorsa.

Bonaccini ha superato Borgonzoni in 43 dei 55 comuni del territorio metropolitano, mentre la candidata del centrodestra si è imposta nei restanti 12. La città di Bologna (e i Comuni della primissima cintura) sono quelli in cui Bonaccini ha preso più voti. La quota massima è in città, dove il leader dem ha toccato quota 64,8%, mentre nei comuni della prima cintura ha comunque superato il 60%. Si è poi attestato tra il 55 e 50% nei Comuni della seconda cintura. In pratica, osserva la Città metropolitana, il voto a Bonaccini rimane sostanzialmente maggioritario in tutta la pianura (ad esclusione di tre comuni), nell’imolese e nelle frange di confine della bassa bolognese (in particolare nel persicetano e nell’intera galliera). A sud il voto per Bonaccini attraversa la collina e si inerpica in montagna conquistando i comuni posizionati sulla direttrice della Porrettana. Preferenze tra il 55-60% si rilevano dunque nella media pianura, e in maniera più eterogenea nei comuni che gravitano su Imola (che raggiunge il 58,2%). Un livello di preferenze tra il 50-55% caratterizza poi i comuni dell’estrema pianura, mentre in montagna si giunge oltre il 50%.

 

Per contro, Lucia Borgonzoni ottiene la maggioranza di preferenze prevalentemente nei comuni montani, sia del crinale occidentale prossimo al modenese (con livelli intorno al 50%), che nella fascia a ridosso della provincia di Prato (oltre il 50%) dove raggiunge il massimo a Camugnano (56,6%).

 

Nella montagna imolese, invece, rimane a favore della candidata di centrodestra il solo comune di Fontanelice. Infine sono tre i comuni dell’estrema pianura dove le preferenze (tra il 48-51%) premiano Borgonzoni. Dire. It