Coronavirus, 106 morti. Oltre 4500 i contagi: raddoppiati in 24 ore. Primo caso in Germania, uno sospetto a Pistoia

in Esteri/Salute

L’Oms parla di “rischio elevato globale” mentre i casi di contagio del coronavirus continuano ad aumentare: in 24 ore sono raddoppiati arrivando a 4515, mentre le vittime accertate sono 106. E ci sono quasi 7mila casi sospetti in attesa di conferma. Per evitare il propagarsi dell’epidemia, la National Immigration Administration cinese ha chiesto ai cittadini di evitare i viaggi all’estero “non necessari” per garantire “salute e sicurezza” di cinesi e stranieri, convinta che la riduzione dei movimenti trans-frontalieri possa aiutare a prevenire e controllare la diffusione della polmonite causata dal 2019-nCoV, il cui focolaio è stato trovato a Wuhan. E le autorità di Tangshan, la più importante città per la produzione siderurgica cinese, nella provincia di Hebei, hanno deciso la sospensione di tutto il trasporto pubblico. Sessanta finora i casi di contagio fuori dalla Cina, in 16 diversi Paesi: la Germania ha confermato il primo entro i confini nazionali mentre a Pistoia una turista cinese di 53 anni è stata ricoverata perché sospettata di avere contratto il virus.

Il caso a Pistoia – La donna, originaria della provincia dell’Hubei, è ricoverata da ieri all’ospedale San Jacopo di Pistoia. Viaggiava con una comitiva di una ventina di turisti cinesi a bordo di un pullman diretto a Lucca. È svenuta e accusava una sintomatologia simile all’influenza con lieve rialzo febbrile. “Precauzionalmente il mezzo su cui viaggiava la signora – riferisce l’Asl -si è fermato nell’area di servizio di Serravalle Pistoiese della A11 ed è stata chiamata la centrale operativa 118 Empoli-Pistoia che ha soccorso la paziente trasferendola nel pronto soccorso di Pistoia, dove i sanitari hanno subito attivato le procedure previste dal protocollo ministeriale per questi casi”. Nel frattempo, è stato infatti deciso di isolare l’area di servizio. Sul posto il 118 e la polizia stradale, che ha fatto uscire tutti tranne i lavoratori. L’area di servizio è stata poi riaperta. Gli altri viaggiatori (una ventina) hanno ripreso il loro viaggio verso Lucca. Ma anche per loro ci saranno degli accertamenti.

Il caso in Germania – Il ministero della Salute nello Stato meridionale della Baviera ha dichiarato che l’uomo, di Starnberg, a sud di Monaco, è “in buone condizioni cliniche”. I funzionari hanno detto che l’uomo viene monitorato ed è isolato dal punto di vista medico. Le persone che erano in stretto contatto con l’uomo sono state informate di possibili sintomi e misure igieniche. Il ministero ha affermato di considerare “basso” il rischio per la popolazione in Baviera. il fatto quotidiano