ESTREMISMO E RADICALIZZAZIONE: IL RUOLO DI QATAR, TURCHIA E FRATELLI MUSULMANI

in Comunicato Stampa/Editoriale/Politica

Il Centro Alti studi “Averroè”, in collaborazione con l’Associazione “Italia Protagonista”, presieduta dal senatore Maurizio Gasparri (Forza Italia), ha organizzato il 16 gennaio a Roma, al Senato della Repubblica italiana, il titolo della conferenza “Sotto assedio. Estremismo e radicalizzazione in Italia”. Durante le osservazioni introduttive, l’on. Souad Sbai, presidente del Centro per gli studi superiori “Averroè”, ha illustrato i contenuti del rapporto “Qatar and the Muslim Brotherhood”. Dal Medio Oriente alla conquista dell’Occidente”. Il rapporto presenta saggi e analisi scritti da un gruppo di esperti, studiosi e giornalisti istituito dal Centro di studi superiori “Averroè” per esaminare il ruolo del Qatar e dei Fratelli Musulmani nella promozione dell’estremismo, della radicalizzazione e del terrorismo jihadista in Medio Oriente, oltre che in Italia e in Europa.

Di fronte a un pubblico numeroso – comprendente rappresentanti del mondo politico, militare, diplomatico, economico e accademico, nonché della società civile e dei media (stampa e TV) – l’on. Sbai ha sostenuto che l’agenda del Qatar e dei Fratelli Musulmani in Italia e in Europa si basa su quattro pilastri principali: proselitismo fondamentalista attraverso moschee, centri culturali, associazioni, imam e militanti affiliati ai Fratelli Musulmani e finanziato dal Qatar (come evidenziato nel libro “Qatar Papers”); radicalizzazione in carcere; la promozione del cosiddetto multiculturalismo; e la strumentalizzazione dell’islamofobia.

 

L’on. Sbai ha affermato che l’Europa sta iniziando a essere più consapevole della minaccia rappresentata dal Qatar e dai Fratelli Musulmani, nonché dalla Turchia di Erdogan, il loro principale alleato. Ad esempio, il governo austriaco ha espulso alcuni imam che hanno ricevuto finanziamenti da Ankara e ha chiuso 7 moschee sostenute dall’Akp, il partito fondamentalista di Erdogan. In Spagna, la polizia ha arrestato il fratello di Alaa Mohamed Said, uno dei principali leader dei Fratelli Musulmani, e poi il Ministero degli Interni spagnolo ha emesso un ordine di espulsione contro di lui. La polizia svedese ha pubblicato un rapporto dettagliato in cui ha denunciato i Fratelli musulmani per aver usato gruppi e associazioni come copertura per promuovere l’agenda islamista. In Ucraina, un centro culturale collegato ai Fratelli Musulmani è stato chiuso e l’imam e altri militanti sono stati arrestati con l’accusa di promuovere la radicalizzazione e di essere collegati a gruppi terroristici. Sono stati inoltre sequestrati libri scritti da figure musulmane legate alla Fratellanza. Allo stesso tempo, il governo danese ha negato ad alcuni affiliati dei Fratelli Musulmani la possibilità di entrare nel Paese, al fine di impedire loro di promuovere la propaganda estremista e l’incitamento alla violenza.

 

Per quanto riguarda il Medio Oriente, l’on. Sbai ha ricordato che l’espressione fuorviante “Primavera araba” era un tentativo del Qatar e dei Fratelli Musulmani di provocare cambiamenti di regime con l’obiettivo di stabilire dittature fondamentaliste. Questo è il motivo per cui le persone nel mondo arabo odiano la Fratellanza Musulmana, che è stata arruolata come organizzazione terroristica da molti Paesi della regione a causa dei suoi legami con gruppi terroristici come Isis e Al Qaeda. In Giordania, i membri di una cellula che pianificava attacchi suicidi contro obiettivi occidentali furono arrestati e la polizia scoprì di essere stata sottoposta all’influenza dell’ideologia dei Fratelli Musulmani durante il loro processo di radicalizzazione.

 

L’on. Sbai ha anche osservato che lo sceicco del terrore e leader spirituale dei Fratelli Musulmani in tutto il mondo, Yusuf al-Qaradawi, con sede in Qatar, ha emesso una fatwa che autorizzava attacchi contro le forze occidentali in Medio Oriente. Inoltre, la maggior parte degli arabi che hanno partecipato alla jihad in Afghanistan era affiliata ai Fratelli Musulmani e ha aggiunto che, una volta tornati nei loro paesi, questi militanti hanno indottrinato nuove persone e reclutato in gruppi terroristici. Khalid Shaykh Muhammad, la mente degli attacchi terroristici dell’11 settembre, ha ammesso agli investigatori statunitensi di essere stato attirato in circoli radicali da suo fratello, un membro dei Fratelli Musulmani da quando aveva 16 anni. Per quanto riguarda Osama bin Laden, le indagini della Cia hanno concluso che era anche membro dei Fratelli Musulmani. In questo contesto, l’on. Sbai si è chiesta perché l’Italia e altri Paesi europei non designino ancora i Fratelli Musulmani come un’organizzazione terroristica, mentre anche gli Stati Uniti stanno attualmente valutando questa opzione.

 

Dopo l’introduzione di Souad Sbai, i relatori che hanno aderito alla conferenza hanno affrontato la questione dell’estremismo e della radicalizzazione da diverse angolazioni. Tuttavia, il minimo comune denominatore delle loro osservazioni era l’accento sul ruolo nefasto dei Fratelli Musulmani, del Qatar e della Turchia. Tra questi, il dottor Sandro Menichelli, direttore dell’Ispettorato di polizia di Stato presso la Camera dei deputati italiana e autore del libro “Galassia islamica”, ha ripercorso la storia dei Fratelli musulmani sin dalla loro fondazione, ricordando il ruolo dei principali Fratelli Musulmani “Pensatori” e ideologi che alimentano il terrorismo jihadista. Ha anche puntato il dito contro al-Qaradawi per aver predicato a favore della conquista dell’Europa.

 

Il noto giornalista e corrispondente di guerra, Gian Micalessin, attira l’attenzione del pubblico sul ruolo del Qatar nel finanziamento della creazione del “Califfato nero” in Africa, che si estende dalla Libia fino alla Nigeria, passando per Burkina Faso e Mali. Questa vasta area è il crocevia tra jihadisti africani e migliaia di combattenti che hanno combattuto in Siria con gruppi terroristici, in particolare Isis e Al Nusra, con il sostegno della Turchia di Erdogan. In particolare, Micalessin ha avvertito che questi combattenti sono stati schierati da Ankara in Libia, in quanto costituiscono una minaccia alla sicurezza vitale per l’Italia e l’Europa. Micalessin ha anche parlato della situazione a Idlib, in Siria, dove ci sono ancora più di 10mila jihadisti nelle fila di Al Nusra. Sono sostenuti da Erdogan e provengono dal mondo arabo e dall’Europa, così come dall’Asia meridionale e centrale, dalla Cina e dalla Federazione Russa.

 

In conclusione, l’ospite d’onore, S.E. Hisham Badr, ambasciatore egiziano in Italia, ha elogiato il sostegno di Roma al governo del Cairo nella lotta contro l’estremismo e il terrorismo dei Fratelli Musulmani, che ha chiaramente indicato come la fonte ideologica che ha alimentato tutti i gruppi terroristici. Al termine l’on. Sbai ha ringraziato tutti gli oratori per il loro contributo ai lavori e ha informato che la conferenza è stata la prima di una serie di incontri su questioni di sicurezza riguardanti l’Italia, l’Europa e il Medio Oriente che il Centro Alti Studi “Averroè” terrà durante tutto il 2020.

L’opinione

VIDEO COMPLETO DELLA CONFERENZA

 

 

 

Ultime da Comunicato Stampa

Vai a Inizio pagina