Smog, allerta al Centro-Nord: in Piemonte stop ai diesel euro 5, limiti anche a Roma

in Ambiente/Salute

Prosegue l’allerta smog in Italia. Mentre Roma blocca i veicoli più inquinanti per il quarto giorno consecutivo a Torino, dopo dieci giorni consecutivi in cui le micropolveri hanno superato i 50 microgrammi al metro cubo, da domani scatta lo stop anche ai veicoli diesel euro5. Limiti di Pm10 superati anche a Venezia.

ROMA
A Roma è in vigore la limitazione fini alle ore 20.30 della circolazione veicolare nella Z.T.L. «Fascia Verde» per: ciclomotori e motoveicoli «PRE-EURO 1» ed «EURO 1»; autoveicoli a benzina «EURO 2». Ed inoltre, dalle ore 7.30 alle ore 10.30 e dalle 16.30 alle 20.30 per: autoveicoli diesel «EURO 3». Previste anche limitazioni per la temperatura degli impianti termici.

Lo smog indebolisce le ossa e aumenta il rischio di osteoporosi

TORINO
A Torino per la prima volta si fermano i diesel euro 5. Lo rende noto l’amministrazione comunale. Lo stop ai diesel euro5 si aggiunge alle limitazioni permanenti e al blocco dei diesel euro4, in vigore da giovedì scorso, e riguarda tutti i diesel immatricolati prima del primo gennaio 2013. Non potranno circolare tutti i giorni, dalle ore 8 alle 19, dal 7 al 9 gennaio. Per i veicoli commerciali della stessa classe emissiva, il divieto è in vigore dalle 8.30 alle 14 e dalle 16 alle 19. Giovedì prossimo il nuovo rilevamento curato da Arpa Piemonte della presenza di polveri sottili nell’aria di Torino ci dirà se il blocco dei diesel euro4 ed euro5 proseguirà o potrà essere revocato.

Allerta smog anche ad Alessandria che, come Torino, ferma i diesel euro5. La decisione dopo dieci giorni consecutivi in cui le micropolveri hanno superato i 50 microgrammi al metro cubo, facendo scattare così il semaforo ‘rossò, come previsto dal Protocollo operativo per l’attuazione delle misure urgenti antismog. Lo stop è in vigore domani, mercoledì 8 gennaio, e giovedì 9 gennaio, prossimo giorno di controllo da parte di Arpa Piemonte.

VENEZIA
L’osservatorio regionale della qualità dell’aria Arpav ha emesso oggi un comunicato sull’avvenuto raggiungimento del livello 1 «Arancione», che si attua con quattro giorni consecutivi di superamento del valore limite consentito per il pm10 di 50 microgrammi/m3. Quindi daa oggi e fino a nuova comunicazione entreranno in vigore le misure di limitazione alla circolazione dei veicoli per il contenimento degli inquinanti atmosferici. Il livello 1 «Arancio» vieta la circolazione per tutti i giorni della settimana, compresi quindi anche sabato e domenica, dalle ore 8.30 alle ore 18.30 di ciclomotori e motocicli Euro 0 a due tempi, di autovetture ad uso proprio alimentate a benzina Euro 0 e 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4 e dei veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 1, 2 e 3.

Per quanto riguarda l’utilizzo degli impianti termici e delle combustioni, in questi giorni sarà vietato utilizzare impianti termici a biomassa di classe inferiore alle 3 stelle e sarà vietato effettuare combustioni all’aperto. Il divieto sarà valido fino al prossimo giorno di controllo previsto per giovedì prossimo, quando il nuovo bollettino Arpav segnalerà se mantenere il livello 1, se passare a livello 2 (cosa probabile visto il perdurare delle condizioni meteo sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti in atmosfera) o se retrocedere a livello 0 «Verde» se le concentrazioni di pm10 presenti in atmosfera saranno rientrate al di sotto della soglia. ilmessaggero

Ultime da Ambiente

Vai a Inizio pagina