• IMG-20191204-WA0008.jpg
  • IMG-20191204-WA0012.jpg
  • IMG-20191204-WA0011.jpg
  • IMG-20191204-WA0009.jpg
  • IMG-20191204-WA0013.jpg
  • IMG-20191204-WA0014.jpg
  • IMG-20191204-WA0015.jpg
  • IMG-20191204-WA0016.jpg
  • IMG-20191204-WA0020.jpg
  • IMG-20191204-WA0021.jpg

“Primo rapporto sull’islamizzazione d’Europa”. 

in Editoriale/Esteri

 

di Lucia Maria Maceroni.

 

Mercoledi’ 04 dicembre, a Bruxelles e’ stato proposto all’attenzione europea il “Primo Rapporto annuale sull’Islamizzazione dell’Europa”curato dalla Fondazione FareFuturo con il contributo dell’Ufficio studi di Fratelli d’Italia.

Il rapporto è stato gia’ presentato a Roma l’11 settembre scorso, data emblematica per il tema affrontato da questo documento poiche’ ricorre nello scontro tra civilta’, ieri come oggi, nella storia e nella cronaca: l’11 settembre 2001 l’attacco al cuore della civilta’ occidentale con le Torri Gemelle e l’11 settembre 1689 la Battaglia di Vienna, quando l’Europa di allora si mobilito’ per contrastare l’avanzata islamica.

Sono intervenuti all’incontro Nicola Procaccini coordinatore ECR, Souad Sbai giornalista e scrittrice, Adolfo Urso Presidente della Fondazione Fare futuro, Mario Ciampi politologo, illustrando i contenuti del documento e parlando dei punti chiave del fenomeno che sta travolgendo il nostro continente.

Alla stesura di questo report hanno contribuito con loro posizioni e proposte di intervento illustri nomi dello scenario socioculturale e  politico, (il Presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il Presidente di Farefuturo Adolfo Urso, il Professor Francesco Alberoni, lo psichiatra Alessandro Melluzzi, il vicepresidente vicario del gruppo senatoriale di Fratelli d’Italia Isabella Rauti, l’Ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata ed il Presidente dell’ACMID – Associazione delle donne marocchine in Italia – On. Souad Sbai) che compongono il comitato scientifico della Fondazione Farefuturo il cui obiettivo e’  far luce sul fenomeno dell’islamizzazione tramite lo studio e l’analisi di indicatori ufficiali, come Istat ed altre Agenzie demoscopiche ufficiali, che studiano natalita’, investimenti esteri, sponsorizzazioni, sicurezza europea e atti terroristici.

 

Da questo Primo Rapporto scaturisce gia’ un quadro emergenziale sulla penetrazione demografica, culturale ed economica dei musulmani nel Vecchio Continente, veicolata in primis da flussi migratori incontrollati; lo studio indica , infatti, che dal 2010 al 2016 in Europa la popolazione islamica e’ aumentata del 32 %, in Italia del 38%, del 51 % in Germania e del 21% in Francia.

Nello stesso periodo l’arrivo dei musulmani in Europa e’ stato pari al 53% degli immigrati. I migranti regolari sono stati per il 46% musulmani, i richiedenti asilo di fede islamica sono stati il 78%; si rischia cosi’ di arrivare addirittura a +193% nel medio-lungo terminie in caso di immigrazione massiva.

Come si apprende dal documento, i musulmani sono mediamente piu’ giovani degli altri europei: eta’ media di 30,4 anni, quella di chi professa altre religioni e’ di 43,8; ancora, una donna musulmana in Europa avrebbe mediamente 2,6 figli, quella non musulmana ne avrebbe 1,6: “Con questo ritmo nel 2100 i musulmani potrebbero rappresentare la meta’ della popolazione”.

Piace a tal proposito citare uno dei passaggi centrali, tra i piu’ inquietanti ma anche tra i piu’ importanti, di Sottomissione, il romanzo best-seller di Michel Houellebecq che nel 2014 si e’ rivelato come un pugno sullo stomaco, quanto mai salutare, nel dibattito asfittico e falso sull’Islam e il suo rapporto con l’Europa: “ Chi controlla i bambini controlla il futuro”.

Non solo questo, ma gli indicatori ufficiali parlano di massive penetrazioni economiche di gruppi musulmani in Europa attraverso l’acquisizione o sponsorizzazione di societa’ calcistiche delle maggiori capitali europee, Real Madrid, PSG, Roma…, o operazioni piu’ classiche come partecipazioni azionarie di fondi sovrani dei paesi arabi, al primo posto della classifica delle maggiori operazioni commerciali il Rapporto posiziona al Qatar: 4,6 mld investiti in 8 anni; al secondo posto l’ IPIC (International Petroleum Investment Company degli Emirati Arabi Uniti: 2,4 mld di dollari investiti nel 2010-2018, in Unicredit: al terzo posto Mubadala, altro fondo emiratino: 1,34 mld e un portafoglio piu’ diversificato (Ferrari – Piaggio Aero- Emi Music – Poltrona Frau).

Stiamo, dunque, assistendo ad un lento e sommesso processo di infiltrazione musulmana che sta sradicando le Nostre fondamenta culturali, minando l’impianto della civilta’ europea classica.

Cio’ e’ quanto emerge dalle circostanziate analisi, dai contributi socioculturali e dai dati emersi raccolti in questo Primo Rapporto sull’islamizzazione d’europa.

Ultime da Editoriale

Vai a Inizio pagina