Dl fisco: rinvio sanzioni Pos, 730 a settembre. Sì alle manette agli evasori, Iv vota contro

in Politica

Dopo una seduta di 14 ore è giunto il via libera della commissione Finanze della Camera al Dl fisco. Il mandato ai relatori è arrivato al termine di una seduta notturna e dopo che si è registrata una spaccatura nella maggioranza (Iv ha votato contro) sulle correzioni al testo riguardanti l’inasprimento delle sanzioni penali per i reati tributari. Il provvedimento verrà esaminato domani, martedì 3 dicembre, dall’Assemblea di Montecitorio, in prima lettura.

Il decreto scade il 25 e viene pertanto dato per certo il ricorso al voto di fiducia fa parte del Governo, che dovrebbe essere posta martedì, con voto nella giornata di mercoledì 4 dicembre.

La protesta dell’opposizione
Lega, FdI e FI hanno abbandonato i lavori in commissione sul provvedimento poco prima del voto all’emendamento del governo sul carcere agli evasori. La protesta ha riguardato anche, ha spiegato Massimo Bitonci (Lega), le norme sugli appalti.

La spaccatura nella maggioranza sul carcere per gli evasori
In mattinata la commissione Finanze della Camera, dopo una sospensione dei lavori, ha fatto scattare il semaforo verde per le norme sul carcere agli evasori ma la maggioranza si è spaccata: Italia Viva ha infatti votato no. Incassano comunque l’ok gli emendamenti dei relatori e del governo al dl fisco che hanno cercato una sintesi all’interno della maggioranza: resta l’innalzamento complessivo delle pene ma sarà meno consistente per i reati minori.

Strappo dei renziani anche su rinvio norme per fondazioni
Spaccatura all’interno della maggioranza anche sul rinvio delle norme sulle Fondazioni. I renziani si sono smarcati sull’emendamento per rinviare le norme di equiparazione dei partiti alle fondazioni, approvato con i voti di M5s, Pd e LeU. «La decisione di rinviare applicazione della spazzacorrotti per equiparare le regole di trasparenza tra partiti e fondazioni è un clamoroso errore che la commissione ha fatto nottetempo col voto favorevole di M5S, Pd e Leu e il voto contrario di Italia Viva». È quanto ha scritto su Twitter il deputato di Iv Luigi Marattine. A quanto si apprende, anche i partiti di opposizione, hanno votato contro l’emendamento al dl fisco.

Si allenta la stretta sulle ritenute negli appalti
Sulle norme che riguardano le ritenute e le compensazioni degli appalti è stata alla fine trovata la quadra. Con un emendamento dei relatori approvato dalla commissione Finanze della Camera si prova a semplificare la procedura prevista per contrastare l’evasione fiscale e contributiva sulle ritenute nei casi di illecita somministrazione di manodopera. In particolare viene previsto che a versare le ritenute saranno direttamente le società appaltatrici, subappaltarici affidatatrie della realizzazione dell’opera. La nuova procedura per verificare e contrastare il mancato versamento delle ritenute si applica ai contratti di appalto o subappalto superiori ai 200.ooo euro annui.

Villarosa: no multe a negozianti senza pos
«Abbiamo appena approvato l’abrogazione delle sanzioni per i commercianti che non hanno il pos per i pagamenti con carta di credito/debito». Lo ha scritto il sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa.

Cambia il calendario fiscale
Tra gli emendamenti per ora approvati, quello che riscrive il calendario fiscale: per l’invio del modello 730 i contribuenti avranno tempo fino al 30 settembre. L’emendamento dei relatori approvato dalla Commissione Finanze prevede anche un ampliamento della platea che può utilizzare il 730: oltre ai lavoratori dipendenti e ai pensionati viene estesa ai titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente senza limitazioni e ai titolari di redditi di lavoro autonomo con la sola esclusione di quelli derivanti dall’esercizio di arti e professioni e di impresa non occasionali (ad esempio, redditi fondiari o redditi da lavoro autonomo occasionale). Quanto alle scadenze, si introduce anche un “termine mobile” per i conguagli che arriveranno con la prima retribuzione utile e, comunque, con quella di competenza del mese successivo a quello in cui il sostituto ha ricevuto il risultato contabile. Con un emendamento della Lega l’obbligo dell’invio dell’esterometro diventa trimestrale.

Iva al 5% per gli assorbenti lavabili
L’Iva passa dal 22% al 5% per gli assorbenti compostabili o lavabili.

Iva a 4% per auto green per disabili
Arriva l’Iva al 4% per l’acquisto di auto ibride ed elettriche da parte di persone con disabilità.

Carnevali (Pd): 200 milioni per personale sanità
«Sul personale della sanità – ha sottolineato Elena Carnevali (Pd) a proposito di una modifica al dl fisco approvata in commissione alla Camera – arriva finalmente una terapia d’urto. L’approvazione dell’emendamento del Pd della commissione Affari sociali pone fine alla stretta sulle assunzioni che ha penalizzato il Ssn e realizza il cambiamento fondamentale per il nuovo Patto per la salute. L’aumento del tetto di spesa per il personale dal 5 al 10% nel triennio 2019-2021 corrisponde ad un incremento di 200 milioni di euro».

Una banca dati per stanare chi non paga il bollo auto
Nella campagna a tutto campo contro l’evasione, la Commissione Finanze della Camera mette nel mirino anche i furbetti del bollo auto. Per evitare duplicazioni e perdite di tempo il Dl fiscale prevede che il sistema informativo del Pubblico registro automobilistico sarà alimentato anche con i dati delle tasse automobilistiche. I dati saranno poi girati alle Entrate, alle Regioni e alle province autonome che procederanno ad incrociare le informazioni acquisite con quelle già a loro disposizione. Sarà un disciplinare siglato da tutte le amministrazioni a regolare l’utilizzo delle banche dati e dei dati messi a fattor comune per stanare gli evasori.

Rinvio multe per chi non si adegua a nuove regole seggiolini
Vengono rinviate al 6 marzo le multe per chi non si adegua alle nuove norme sui seggiolini auto per i bambini. Aumentano da uno a 5 milioni gli stanziamenti previsti nel 2020 per le agevolazioni sotto forma di credito di imposta.

Incentivo per acquistare air-bag per moto
È introdotto un incentivo per l’acquisto di airbag per moto. Dal 2020 si potrà detrarre fino a 250 euro (il 50 per cento di una spesa massima di 500 euro) «per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale moto airbag». Per il provvedimento sono stati stanziati fino a 30 milioni di euro all’anno.

Cancellata la tassa sui biliardini
Biliardini, gru per vincere palloni, pelouche o dolcetti e tutti gli apparecchi che non consentono di vincere denaro «di qualsiasi entità», non faranno scattare l’obbligo di iscrizione al Registro unico degli operatori del gioco pubblico. Con un correttivo al decreto legge fiscale è stata dunque cancellata quella che era stata subito ribattezzata la tassa sul calciobalilla. Come spiega Alessio Villarosa (M5S) è stato raccolto l’invito dei gestori che, nella maggior parte dei casi, per pochi periodi dell’anno consentono ai loro clienti di giocare a biliardino o comunque con apparecchi, spesso utilizzati anche dai bambini, che non erogano vincite in denaro.

Arriva la nuova tassa sui container
Una tassa sui container, pieni o vuoti poco importa, per potenziare il controllo sulle merci in transito o ingresso ai varchi doganali. L’obiettivo dichiarato è quello di tutelare la sicurezza collettiva, l’ordine pubblico, le esigenze finanziarie dello Stato e le entrate Comunitarie, la salute e la sicurezza delle persone fisiche. Il nuovo balzello, che sarà rapportato alla tassa sui porti già esistente, sarà definita nei suo dettagli da un provvedimento del Governo che dovrà essere adottato entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto fiscale. A riscuoterla e liquidarla sarà direttamente l’agenzia delle Dogane.

A Capri non si rottama l’Ape Taxi o Calessino
Si salvano dalla rottamazione tutti quei veicoli a motore con caratteristiche inquinanti Euro0 che nelle isole minori sono utilizzati storicamente per il trasporto pubblico locale soprattutto perché di piccole dimensioni e in grado di circolare per vicoli e dirupi. L’elenco dei mezzi che si salveranno dalla rottamazione, secondo l’emendamento approvato dalla Camera al Dl fiscale, arriverà nei prossimi mesi dal ministero dei Trasporti, sulla falsariga dell’elenco dei veicoli storici e in uso alle autoscuole ammessi ancora alla circolazione. il sole 24 ore

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina