IRAN-5 STELLE: L’ORA DELLE RISPOSTE

in Editoriale

di Souad Sbai

Iran, la rivolta è già finita? Sembrerebbe di sì, stando ai Basiji, le milizie paramilitari impiegate dal regime khomeinista per sedare l’ondata di proteste scoppiate nei maggiori centri del Paese in seguito alla decisione del governo di aumentare il prezzo del carburante. Ancora con la bava alla bocca e nel pieno furore della repressione costata 200 morti, secondo Amnesty International, eccoli sfilare nelle strade della capitale Teheran, felici più che mai per aver difeso la loro rivoluzione fondamentalista dalla “guerra mondiale” sferrata dal solito triumvirato Usa, Israele, Arabia Saudita.

 

Non occorre dubitare che i Basiji credano davvero a una simile fandonia. La guida suprema, Ali Khamenei, e il generale pasdaran, Qasem Soleimani, hanno infatti efficacemente provveduto all’indottrinamento di tutte le forze che presuppongono alla sopravvivenza della Repubblica islamista, al punto da poterle scagliare contro la popolazione senza temere passi indietro e obiezioni di coscienza che ne impediscano l’uso della violenza. Vedremo nei prossimi giorni se Khamenei e Soleimani saranno riusciti effettivamente a piegare l’ennesima ribellione, in attesa del prossimo tentativo di far cadere il regime khomeinista al potere dal 1979.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI

 

 

Ultime da Editoriale

IPOCRITA INDIGNAZIONE

di Adriano Segatori “Operazione Delirio” l’hanno chiamata: una approfondita operazione giudiziaria con 25 persone arrestate,
Vai a Inizio pagina