Turchia, i Parlamentari curdi minacciano il boicottaggio del Parlamento Turco dopo il licenziamento dei sindaci

in Esteri

Il Partito democratico popolare pro-curdo (HDP) sta valutando di ritirare i suoi parlamentari dal parlamento turco in segno di protesta per il licenziamento del governo di quattro sindaci distrettuali avvenuto la scorsa settimana.

La rimozione dei leader locali curdi dalle accuse di terrorismo porta il numero totale di licenziamenti dalle elezioni locali del 31 marzo a 24 persone alcune delle quali finite anche in carcere.

La rimozione dei sindaci curdi ha suscitato ampie critiche internazionali.

La mossa è vista come una violazione del diritto alla partecipazione politica e delle libere elezioni ai sensi della Convenzione Europea sui diritti umani e del Patto Internazionale sui diritti civili e politici.

Un membro del Parlamento Europeo per i Verdi / Alleanza Libera Europea, ha affermato che l’arresto di sindaci e oppositori curdi fa parte di un più ampio tentativo di mettere a tacere gli oppositori politici, anche quelli eletti democraticamente dichiarando: “Si basa su leggi discutibili e messe in atto per minare la magistratura affinché il regime controlli e mantenga una visione esecutiva delle sentenze del tribunale – questo non ha nulla a che fare con la magistratura indipendente”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha criticato l’HDP per presunti legami con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che è elencato come gruppo terroristico da Turchia, Stati Uniti e UE.

I governatori locali che sono stati licenziati provengono dalle province orientali e sudorientali, in particolare da Diyarbakir, Van e Mardin, tre maggiori regioni curde e rimossi durante e dopo l’offensiva militare della Turchia nel nord della Siria contro la milizia curda YPG.

Il direttore di Human Rights Watch Turkey, ha dichiarato che la rimozione e il carcere dei sindaci di HDP è stata  accelerata dopo l’incursione militare della Turchia nel nord-est della Siria e ha detto: “I segni sono che questa è una politica del governo per negare qualsiasi distinzione tra HDP e PKK e per schiacciare un’associazione politica legittima e supportata da centinaia di migliaia di persone nel sud-est”, inoltre: “Ci sono anche segnali che la presidenza stia spingendo per privare 12 parlamentari dell’HDP della loro immunità. Ma  incarcerare i politici con false accuse di terrorismo non risolverà nulla “.

Redazione

 

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina