Turchia: iniziato il rimpatrio dei militanti Daesh catturati

in Esteri
Daesh foreign fighters

Ankara ha iniziato il rimpatrio dei militanti Daesh catturati. Secondo quanto riferito da un portavoce del ministero degli interni, la Turchia ha espulso un combattente straniero americano e presto espellerà altri sette militanti Daesh tedeschi. 
La Turchia punta a rimpatriare circa 2.500 militanti, la maggior parte saranno inviati in Europea.
La Turchia ha lanciato un’offensiva nella Siria nord-orientale contro la milizia curda YPG il mese scorso a seguito di una decisione del Presidente degli stati Uniti Donald Trump di ritirare le truppe statunitensi dalla regione.
La Turchia, che vede l’YPG come un gruppo terroristico collegato con militanti curdi ribelli sul proprio territorio, ha respinto tali preoccupazioni e ha promesso di combattere Daesh con i suoi alleati.
Gli europei sono un quinto dei circa 10.000 combattenti Daesh tenuti prigionieri in Siria dalle milizie curde. Danimarca, Germania e Gran Bretagna hanno finora revocato alcune cittadinanze.
Il mese scorso gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver ucciso il leader del Daesh Abu Bakr Al-Baghdadi nella Siria nordoccidentale. Daesh ha promesso vendetta contro gli Stati Uniti.

Redazione

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina