BOLIVIA: Il Presidente EVO MORALES si dimette

in Esteri
Evo Morales

Il Presidente boliviano Evo Morales ha annunciato le sue dimissioni  sotto la crescente pressione dell’esercito e del popolo dopo che la sua vittoria elettorale ha innescato settimane di accuse di frode e proteste mortali.
La dichiarazione del leader è stata trasmessa dalla televisione nazionale proprio da Morales che ha dichiarato: “Sto inviando la mia lettera di dimissioni all’Assemblea legislativa della Bolivia”, descrivendo la sua uscita come il culmine di un “colpo di stato”.

La folla,  dopo la sua dichiarazione,  ha festeggiato per le strade delle citta’ boliviane  sventolando bandiere boliviane e sparando fuochi d’artificio.

I manifestanti si sono sdraiati davanti al palazzo presidenziale e hanno dato fuoco a una bara per simboleggiare la morte del Governo Morales.

Morales è stato il primo membro della popolazione indigena della Bolivia a diventare Presidente ed è stato al potere per 13 anni e nove mesi, il periodo più lungo della storia del paese.
Ma la sua pretesa di aver vinto un quarto mandato, lo mese scorso,  ha scatenato disordini che hanno causato la morte di tre persone e oltre 100 feriti negli scontri tra i suoi sostenitori e gli avversari.

La crisi della leadership politica si è intensificata poche ore dopo le dimissioni di Morales ed altri politici filo-governativi hanno annunciato le loro dimissioni.

La pressione su Morales è cresciuta minacciosamente sabato, quando la polizia, fuori dal palazzo presidenziale, si è ritirata e non ha bloccato i manifestanti.

Redazione

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina