Marocco: condannata per “aborto illegale” la giornalista Hajar Raissouni e' stata graziato da Mohammed VI

in Esteri

Il re del Marocco ha graziato Hajar Raissouni, che era stato condannato a un anno di prigione per “aborto illegale” e “sesso non coniugale”. Il procedimento contro la giovane donna e la sua condanna hanno provocato un vivace dibattito nella società marocchina.

Il ministero della Giustizia marocchino ha annunciato mercoledì che una grazia reale è stato concesso a Hajar Raissouni, secondo una dichiarazione rilasciata da MAP, l’agenzia di stampa ufficiale e anche il suo fidanzato e’ stato liberato, così come tutti i membri del team medico che furono processati insieme a loro.

Lo scopo di questo perdono è “preservare il futuro dei due fidanzati che hanno pianificato di fondare una famiglia in conformità con i precetti religiosi e la legge, nonostante l’errore che avrebbero commesso e che ha portato alla loro condanna “, spiega la dichiarazione del Ministero della giustizia marocchino.