Putin: i militanti Daesh incarcerati potrebbero fuggire in mezzo all’operazione turca in Siria

in Esteri/Opinione

di Ahmed Ouagandar

Vladimir Putin ha dei dubbi che la Turchia possa
tenere sotto controllo la situazione in Siria
MOSCA: Venerdì, il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che
i militanti Daesh detenuti nel nord-est della Siria potrebbero fuggire a seguito di un’operazione militare turca nel
posto, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Interfax.
L’offensiva turca contro le forze curde, alleate degli Stati Uniti nel nord-est della Siria, apre uno dei più
grandi nuovi fronti da anni in una guerra civile che dura da otto anni e che ha attirato potenze globali.
La Russia è emersa come uno dei principali broker di potere in Siria dopo aver lanciato un intervento
militare nel 2015, ribaltando il percorso della guerra a favore del suo alleato a Damasco, il presidente Bashar
Assad.
“Ci sono zone situate nel nord della Siria dove sono concentrati i militanti di Daesh. Fino ad oggi erano
sorvegliati dalle forze armate curde. Ora che l’esercito turco sta entrando nella zona , i curdi stanno abbandonando
questo posto. Potrebbero semplicemente scappare ”, ha detto Putin.
“Non sono sicuro che l’esercito turco possa rapidamente controllare la zona”, ha aggiunto Putin, parlando durante una visita in Turkmenistan.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina