Sottosegretari, ecco le 42 nomine: 21 M5S, 18 Pd, 2 Leu e 1 Maie

in Politica

Sono 42 i sottosegretari del governo Conte: 21 i sottosegretari M5s, 18 i Dem, 2 i rappresentanti di Leu, 1 del Maie. È quanto trapela da fonti governative. Il Movimento 5 stelle conserva dunque una maggioranza di sottosegretari e anche di viceministri: ne avrà 6, mentre quattro saranno del Partito democratico. È terminata da poco a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei ministri. Sono stati nominati i sottosegretari di Stato. 

Ecco l’elenco completo di vice ministri e sottosegretari: 

Presidenza consiglio dei ministri
Mario Turco (programmazione economica e investimenti)
Andrea Martella (editoria)

Rapporti con il parlamento:
Gianluca Castaldi
Simona Malpezzi

Affari UE
Laura Agea

Esteri:
Emanuela Del Re VM
Manlio Di Stefano
Marina Sereni VM
Ivan Scalfarotto
Riccardo Merlo

Interni:
Vito Crimi VM
Carlo Sibilia
Matteo Mauri VM
Achille Variati

Giustizia:
Vittorio Ferraresi
Andrea Giorgis

Difesa:
Angelo Tofalo
Giulio Calvisi

Economia:
Laura Castelli VM
Alessio Villarosa
Antonio Misiani VM
Pierpaolo Baretta
Cecilia Guerra

MiSE:
Stefano Buffagni VM
Alessandra Todde
Mirella Liuzzi
Gianpaolo Manzella
Alessia Morani

Politiche agricole:
Giuseppe L’Abbate

Ambiente:
Roberto Morassut

MIT:
Giancarlo Cancelleri VM
Roberto Traversi
Salvatore Margiotta

Lavoro:
Stanislao Di Piazza
Francesca Puglisi

Istruzione:
Lucia Azzolina
Anna Ascani VM
Giuseppe De Cristofaro

Cultura:
Anna Laura Orrico
Lorenza Bonaccorsi

Salute:
Pierpaolo Sileri VM
Sandra Zampa

Salvini: «Da Pd e M5S vergognosa spartizione delle poltrone». «Continua la vergognosa spartizione di posti e poltrone di Pd e M5s. Festeggiate e mangiate finchè siete in tempo tanto prima o poi gli italiani vi manderanno a casa». Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini commentando la nomina dei sottosegretari e vice ministri del governo.

A quanto apprende l’Adnkronos, Bruno Valensise, già direttore dell’Ufficio Centrale per la Segretezza del Dis, assumerà la carica di vice direttore «vicario» nella struttura di piazza Dante guidata da Gennaro Vecchione. Valensise, che era caporeparto, prende il posto di Enrico Savio diventato capo della nuova unità organizzativa di Leonardo denominata «Strategy & Market Intelligence». Non sono da escludere ulteriori nomine ma tutto è demandato alla volontà del premier Conte che ha deciso di tenere la delega sui servizi segreti. il messaggero