IRAN: SAHAR KHODAYARI NON È MORTA INVANO

in Editoriale

di Martina Margaglio

Arrestata e messa sotto processo per aver tentato di assistere a una partita di calcio e per aver violato l’obbligo d’indossare il velo. In risposta, Sahar Khodayari si dà fuoco cospargendosi di benzina e muore dopo alcuni giorni di agonia per le ferite subite a soli 29 anni. Questa insostenibile tragedia è avvenuta in Iran, ostaggio da 40 anni del Regime Khomeinista, la piena realizzazione dell’Islam politico dei Fratelli Musulmani in versione sciita.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI

 

Vai a Inizio pagina