IRAN: SAHAR KHODAYARI NON È MORTA INVANO

in Editoriale

di Martina Margaglio

Arrestata e messa sotto processo per aver tentato di assistere a una partita di calcio e per aver violato l’obbligo d’indossare il velo. In risposta, Sahar Khodayari si dà fuoco cospargendosi di benzina e muore dopo alcuni giorni di agonia per le ferite subite a soli 29 anni. Questa insostenibile tragedia è avvenuta in Iran, ostaggio da 40 anni del Regime Khomeinista, la piena realizzazione dell’Islam politico dei Fratelli Musulmani in versione sciita.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI

 

Ultime da Editoriale

IPOCRITA INDIGNAZIONE

di Adriano Segatori “Operazione Delirio” l’hanno chiamata: una approfondita operazione giudiziaria con 25 persone arrestate,
Vai a Inizio pagina