Manchester, 26enne bresciana di origine senegalese uccisa: ergastolo per il killer Lala Kamara, infermiera, era stata strangolata nel marzo scorso.

in Esteri/Italia

A Manchester è stato condannato al carcere a vita Mustapha Dia, 22 anni compiuti da poco, accusato dell’omicidio di Lala Kamara, una 26enne bresciana di origine senegalese che si era trasferita nella città britannica per lavorare come infermiera (avrebbe iniziato di lì a poco, dopo essere rimasta per un periodo a Londra). La notizia è rimbalzata anche sui giornali italiani.

Lala è stata strangolata il 9 marzo scorso, durante un tentativo di rapina nell’appartamento che condivideva con altre due giovani; poi erano state fermate due persone tra cui Dia, che alla fine era stato arrestato. Alla lettura della sentenza nei suo confronti, erano presenti anche i parenti di Lala, che si sono detti “soddisfatti” della pena per il killer.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina