Scuola, mancano supplenti: se ne cercano 200mila

in Attualita'

Settembre è ormai alle porte e l’Associazione Nazionale Insegnanti e Formatori (ANIEF), il sindacato di categoria, informa che a scuola mancano 200mila supplenti. Lo rende noto Adkronos.

“Tantissimi posti saranno assegnati con Mad (Messa a disposizione) al preside, basterà una domandina”, fa sapere una nota del sindacato. “A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico – spiega  – entra nel vivo la caccia al supplente. Sarà una vera impresa, perché si tratterà di sistemare almeno la metà delle 53.627 nomine a tempo indeterminato andate deserte, i circa 20mila posti liberatisi a seguito dell’anticipo pensionistico Quota 100, i 50mila e oltre posti in deroga su sostegno, decine di migliaia di cattedre nascoste in organico di fatto e altri quasi 20mila posti liberi su disciplina comune nemmeno richiesti per le immissioni in ruoli”.

I posti da coprire potrebbero essere 200mila, ma il sistema di copertura del Miur è mal organizzato, dice ancora l’ANIEF e potrebbe portare “al paradosso di lasciare a casa tanti docenti precari abilitati all’insegnamento; mentre affiderà decine di migliaia di cattedre ad aspiranti neo-laureati o senza esperienza alcuna”. “Stiamo parlando di candidati – continua la nota – che hanno presentato ai dirigenti scolastici una semplice ‘messa a disposizione’, la cosiddetta Mad, una necessità che scatta nel momento in cui, dopo avere fatto ricorso alle Gae e alle graduatorie di merito, sono risultate esaurite anche le graduatorie di istituto”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Attualita'

Vai a Inizio pagina