Iraq: continua la guerra contro l’Isis con la fase 3 dell’operazione Will of victory

in Esteri/Le Brevi

Gli Stati Uniti e l’Iran nelle scorse settimane in Iraq hanno partecipato fianco a fianco nell’operazione Will of victory (volontà di vittoria).Avviata il 7 luglio contro le cellule dormienti del gruppo Stato islamico (Is), la campagna militare ha riguardato vaste aree del paese, dalle zone a nord di Baghdad e i dintorni di Diyala, ai governatorati di Al Anbar e Salah al Din, fino ai confini con la Siria.

L’operazione in tre fasi ha visto le forze aree della coalizione internazionale a guida statunitense affiancarsi alle milizie filoiraniane (riunite nelle Unità di mobilitazione popolare, note come Hashd) in supporto all’esercito regolare iracheno. elle scorse ore le forze irachene hanno effettuato un blitz nella provincia, uccidendo quattro miliziani dello Stato Islamico e facendo crollare un condotto sotterraneo nella Kelal valley. L’obiettivo della terza fase di Victory Will è impedire a Isis di controllare le rotte che collegano Nineveh a Kirkuk, Baghdad e Salahuddin. Inoltre, il governo iracheno punta a smantellare le reti di tunnel e a neutralizzare i facilitatori, in modo da bloccare l’afflusso di risorse e fondi allo Stato Islamico nel paese mediorientale, inibendo le sue capacità operative.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

 

Costantino Pistilli

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Vai a Inizio pagina