(Photo by KARIM SAHIB / AFP)

Yemen: gli Houthi continuano con la guerra dei droni

in Esteri/Le Brevi

La coalizione araba ha distrutto due droni Houthi che puntavano  alla città di Khamis Mushayt nel sud-ovest dell’Arabia Saudita, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale SPA. È stato l’ultimo di una serie di attacchi con droni rivendicati dalla milizia Houthi nelle ultime settimane, inclusi 10 droni che hanno colpito l’impianto di liquefazione del gas naturale della Shaybah saudita vicino al confine con gli Emirati Arabi Uniti.

Il portavoce della coalizione araba Col. Turki Al-Maliki ha detto che la coalizione stava prendendo tutte le misure possibili e impiegava le migliori pratiche per intercettare i droni e fermare gli attacchi. Ieri, l’agenzia stampa Reuters ha fatto sapere che un drone militare Usa è stato abbattuto nella parte centrale dello Yemen, l’incidente si è verificato dei cieli della provincia di Dhamar a sud-est dalla capitale Sanaa controllata dagli Houthi, Secondo l’emittente Al Masirah che il razzo che ha abbattuto il drone sarebbe stato presentato a breve durante una conferenza stampa. Intanto, il governo yemenita riconosciuto a livello internazionale di espellere gli Emirati Arabi Uniti dalla coalizione a guida saudita, perché aiuterebbero separatisti yemeniti, ma è chiaro lo zampino dell’Irana,dietro a questa dichiarazione, l’Iran punta a destabilizzare la nazione e controllarla per farne un nuovo “Libano”, un hub sicuro per i propri terroristici fini  e infatti Saud al Chamsi, vice rappresentante di Abu Dhabi presso le Nazioni Unite, citato dall’agenzia di stampa emiratina Wam ha dichiarato:  “Ci rammarichiamo per le accuse (…) su Aden che respingiamo categoricamente. Confermiamo la nostra ferma posizione di partner della coalizione militare araba e la nostra determinazione per alleviare le tensioni in Yemen”.


In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

 

Costantino Pistilli


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina