Conte: “Salvini ha seguito interessi personali” L’Italia sulla stampa internazionale. Times: “Caos politico”. Cnn: “Premier contro il partner irresponsabile”

in Le Brevi/Politica

Conte: “Salvini ha seguito interessi personali”  


“Gentile presidente, gentili senatrici, gentili senatori – è l’incipit del discorso del premier -ho chiesto di intervenire per riferire sulla crisi di governo innescata dal leader di una delle forze di maggioranza. Ho sempre sostenuto che in caso di interruzione anticipata di governo, sarei tornato qui, sede istituzionale dove ho raccolto la fiducia. Siamo al cospetto di una situazione grave della crisi che comporta conseguenze per la vita del Paese. Avete offeso la realtà dei fatti”.

Conte attacca Salvini e lui bisbiglia: “Qui ti sbagli amico mio”

 

“Il rischio dell’esercizio provvisorio è altamente probabile”. Conte è interrotto dalle proteste dei senatori leghisti quando dice “il ministro dell’Interno ha seguito interessi personali e di partito”. “È irresponsabile far votare ogni anno”. Protesta dei senatori leghisti per le parole del premier Giuseppe Conte contro Matteo Salvini e il suo partito. Ma il vicepremier, seduto sui banchi del governo accanto a Conte – dall’altro lato è seduto Luigi Di Maio – fa cenno ai suoi di ‘calmarsi’ con una mano, poi congiunge i palmi come in segno di preghiera e infine fa il segno del pollice, sempre rivolto ai leghisti. “Il nuovo governo avrebbe difficoltà nel contrastare l’aumento dell’iva e sarebbe esposto agli sbalzi dello spread”.


Conte critica poi Salvini anche sull’uso di simboli religiosi nei suoi comizi: “Sono episodi di incoscienza religiosa che rischiano di offendere il sentimento dei credenti e di oscurare il principio di laicità, tratto fondamentale dello stato moderno”.

Lo scenario post Conte

Il problema è lo scenario post Conte. Nei palazzi vengono viste come ardue entrambe le strade: quella del voto anticipato e quella del “ribaltone” con il Pd che, insieme a Leu e Radicali, sostituisca la Lega al governo coi 5 stelle. Quest’ultima ipotesi, avanzata da Matteo Renzi, è molto temuta dalla Lega e dal suo leader. Al momento non ci sarebbero stati contatti tra Salvini e la parte dei dem più scettica nei confronti dell’alleanza coi 5 stelle, ovvero quella che fa capo al segretario Zingaretti.

Ma i dubbi leghisti riguardano soprattutto Forza Italia. Salvini non ha un particolare feeling con Mara Carfagna e le indiscrezioni riguardo a possibili contatti tra la vice presidente forzista della Camera e i renziani – smentite puntualmente da questi ultimi – non sarebbero state gradite in via Bellerio. E nella Lega si crede fortemente che una parte degli ex alleati di FI sarebbe disponibile a un “inciucio salva-poltrona”.

Quanto al “patto Orsola”, lanciato da Prodi domenica scorsa in un intervento sul Messaggero, l’ufficio stampa dell’ex premier oggi puntualizza che non prevede la partecipazione di forze politiche di destra. Il riferimento è a Forza Italia, che, a Bruxelles, ha sostenuto l’elezione della nuova presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”.

Fonte La Repubblica

Le dimissioni di Conte sono finite in prima pagina anche sul sito del quotidiano francese Le Figaro, che, in un altro articolo, soprannomina Salvini “il bulldozer milanese”, mentre Le Monde, annunciando la caduta del governo italiano, sottolineato che la decisione “arriva dopo diverse settimane di crisi politica innescata dal ministro degli Interni, Matteo Salvini”. Sempre in apertura, la pagina web del britannico The Guardian ha titolato: “Il primo ministro italiano si dimette con un attacco all’opportunista Salvini”. E mentre il Times parla di “caos politico“, il tedesco Der Spiegel riporta lapidariamente che “il primo ministro italiano Conte annuncia le dimissioni”.

Sui giornali spagnoli la notizia è preceduta dagli aggiornamenti sulla Open Arms, la nave spagnola in mare da venti giorni con a bordo i migranti salvati nel Mediterraneo, la cui situazione si è sbloccata proprio mentre in Senato si discuteva la crisi. “Conte si dimette da primo ministro italiano e accusa Salvini di aver scatenato la crisi”, scrive El Pais, mentre El Mundo fotografa la crisi di governo sottolineando che ora si apre “un futuro incerto” per l’Italia.

Fonte Il Fatto Quotisiano


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Le Brevi

Vai a Inizio pagina