Filippine, in vista nuovi attacchi islamisti contro i cristiani L'allarme arriva dall'intelligence locale.

in Esteri

I servizi segreti delle Filippine hanno allertato che Suyuful Khilafa Fi Luzon (Skfl), un nuovo gruppo legato allo Stato islamico basato nel Nord del Paese, progetta nuovi attentati contro i cristiani, chiese ed altri obiettivi. Lo annuncia il sito Inside Over. L’intelligence filippina parla di un cambio di strategia da parte degli jihadisti nella regione. “Fino ad ora, infatti, i terroristi hanno colpito esclusivamente al Sud, nell’isola ribelle di Mindanao, dove i tagliagole che hanno giurato fedeltà al Califfo hanno la loro roccaforte”, fa sapere il portale. Attualmente, invece, sono più attivi nella regione di Luzon, dove si trova la capitale Manila. Il gruppo che abbiamo menzionato annovererebbe ex membri del Rajah Solaiman Movement (Rsm), organizzazione di cristiani convertiti all’islam da una ventina d’anni che aveva giurato fedeltà ad al-Qaeda (si era sciolta dopo l’uccisione dei suoi capi, ma si sta riorganizzando).

E’ emerso che Osama bin Laden aveva sempre avuto stretti rapporti con jihadisti locali e che li aveva largamente finanziati (la cifra ammonterebbe ad oltre 6 milioni di dollari, elargiti da “organizzazioni umanitarie” islamiche con sede nello Stato del Mindanao). Così è nato Abu Sayyaf, un gruppo legato all’Isis resosi responsabile di decine di attentati, rapimenti e decapitazioni.


Questo insieme ad un’altra formazione simile, il Maute, nel maggio del 2017 aveva cercato di instaurare un califfato nelle Filippine: il primo nel Sud-est asiatico, precisamente nella città meridionale di Marawi. All’esercito governativo ci sono voluti quasi 5 mesi per liberare la zona.

Le misure di protezione sono aumentate nel Paese, anche perché l’intelligence ha fatto sapere che sono entrate in territorio filippino due persone, un uomo e una donna, che hanno a che fare con il National Thowheeth Jama’ath (Ntj), organizzatore degli attentati di Pasqua in Sri Lanka, costati la vita a 250 persone. I due jihadisti, Mark Kevin Samhoon e Victoria Sophia Sto. Domingo, sarebbero incaricati di addestrare le nuove leve di Skfl nonché di preparare le bombe.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina