Danimarca: centinaia di bambini abusati in case famiglia dal 1945 al 1976 La prima ministra Mette Frederiksen.

in Esteri

La premier della Danimarca, Mette Frederiksen, si è scusata per le centinaia di pestaggi ed abusi sessuali ai danni di bambini commessi in 19 case famiglia statali dal 1945 al 1976 sul territorio. E’ uno dei più gravi scandali nella storia del Paese e gli attivisti per i diritti umani e dell’infanzia hanno lottato per anni perché lo Stato ammettesse le proprie responsabilità. Ha deciso di farlo ufficialmente solo una prima ministra nata l’anno successivo alla conclusione delle violenze.

La Frederiksen (socialdemocratica) ha anche accolto in casa sua a Marienborg decine di vittime (molte delle quali erano commosse fino alle lacrime). Lo annuncia l’ANSA.


“Queste scuse per noi valgono tantissimo” ha detto una vittima, Arne Roel Jorgensen, oggi 68enne ma che soffre ancora le conseguenze di ciò che ha subito da giovanissimo.

I fatti emersero per la prima volta grazie ad un documentario datato 2005, il quale ha rivelato che uno psichiatra aveva addirittura testato l’LSD sui bambini (certamente, per adulti, in quegli anni, questo tipo di droga era considerato senza prove scientifiche salutare per diversi tipi di disturbi da parte di psicologi e psichiatri non solo in Danimarca) e in seguito molti sono diventati tossicodipendenti.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina