Crisi di governo, oggi alle 18 voto al Senato Si deciderà il calendario definitivo e il destino politico di Giuseppe Conte

in Politica

Vari media hanno annunciato che oggi, martedì 13 agosto, alle 18, in merito alla crisi di governo, si riunirà il Senato per il voto definitivo della seduta del 20 agosto sul destino politico del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Lo hanno annunciato ieri in conferenza i capigruppo di Palazzo Madama, anche se non hanno raggiunto l’unanimità ma solo la maggioranza sul calendario definitivo. Lega, FdI e FI, hanno chiesto che la convocazione dell’Aula avvenisse domani, ma solo per sfiduciare il premier e votare la richiesta di modifica del calendario in base all’articolo 55 del regolamento del Senato. Se nessun gruppo proporrà modifiche e un altro giorno rispetto alla data del 20 agosto, il programma rimarrà così com’è, mentre se ci saranno da parte di uno o più gruppi proposte di modifiche, allora si voterà per ottenere la maggioranza. In conferenza, la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, aveva precisato che “la convocazione dell’Assemblea, nell’ipotesi in cui il calendario dei lavori non venga approvato in capigruppo all’unanimità, non costituisce forzatura alcuna, ma esclusivamente l’applicazione del regolamento. L’art. 55, comma 3 prevede infatti che sulle proposte di modifica del calendario decida esclusivamente l’Assemblea, che è sovrana. Non il Presidente, dunque”. Il “rispetto delle regole”, ha precisato Casellati, è a “garanzia” dei cittadini.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina