Hong Kong: cannoni ad acqua contro i manifestanti, ieri 40 feriti

in Esteri/Le Brevi

Nella notte tra ieri, domenica 11 agosto, e oggi, si sono avuti nuovi scontri a Hong Kong tra polizia e manifestanti. Quaranta i feriti, informano anche alcuni media italiani. Per rappresaglia, le autorità della città-stato asiatica hanno schierato per le strade cannoni ad acqua da sparare contro chi scenderà di nuovo in piazza.

Intanto almeno 5000 persone hanno occupato l’aeroporto, i cui voli sono stati cancellati (mettendo in difficoltà anche i turisti), informa l’ANSA, che riporta quanto annunciato dalla CNN.

Dura la risposta della Cina, la quale beneficerebbe della legge sulle estradizioni che il governo dell’ex colonia britannica, con a capo Carrie Lam, vorrebbe far approvare, ma che invece scontenta la popolazione per ragioni di autonomia giudiziaria. Pechino ha bollato come “terrorismo” le proteste e in una conferenza stampa il suo portavoce per Hong Kong ha tuonato che “manifestanti senza cuore hanno lanciato bombe carta contro la polizia”. “Li hanno attaccati più volte con strumenti estremamente pericolosi”, ha continuato. “Hanno già commesso crimini molto violenti e adesso – conclude il portavoce del governo cinese – stanno mostrando atteggiamenti terroristici”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina