Crisi di governo: Conte fa il pieno di apprezzamenti Potrebbe restare in politica (magari schierandosi con i 5 Stelle? Con Salvini c'è maretta).

in Politica

Incognite dopo l’annuncio della crisi di governo da parte del presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella serata di giovedì 8 agosto. Ad uscirne bene, è certamente il premier, il quale in queste ore sta facendo il pieno di consensi. Potrebbe anzi decidere di non lasciare la politica, nonostante abbia sempre detto che sarebbe tornato a fare l’avvocato, se il suo lavoro a Palazzo Chigi fosse terminato: si vedrà. Per ora rimangono confermati alcuni appuntamenti come la visita a Genova il 14 agosto per l’anniversario della caduta del ponte Morandi e poi quello di Foggia per firmare il patto di sviluppo. C’e anche la possibilità che partecipi al G7 a Biarritz, in Francia, e all’assemblea dell’ONU a New York. Ci si chiede se verrà appoggiato dal Parlamento, ma è ancora presto per rispondere.

Affari Italiani.it, che parla della questione, sottolinea che in questi mesi Conte si è attirato parecchie simpatie nel Movimento 5 Stelle, nonostante si sia detto favorevole alla TAV, e potrebbe decidere di scendere in campo nel gruppo fondato da Beppe Grillo e dallo scomparso Gianroberto Casaleggio. Un importante esponente afferma che il premier non sta scartando questa possibilità. Senz’altro c’è maretta tra lui e il leader della Lega Matteo Salvini, vicepremier con il grillino Luigi Di Maio prima di informare Conte di non volere più continuare l’esperienza del governo gialloverde.


Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina