Succede in Italia: terrorista ottiene permesso premio. Progettava attentato a Venezia

in Cronaca/Le Brevi

Succede in Italia, dove la sicurezza sembra solamente “spiaggiare” soprattutto ai vertici alti ed ecco che ci si ritrova con un ragazzo condannato per terrorismo due anni fa ha ottenuto un permesso premio di mezza giornata per buona condotta nel carcere di Cagliari.

“Se metti una bomba a Rialto guadagni subito il Paradiso” diceva ai suoi complici prima di essere arrestato per terrorismo. Dopo quasi due anni e mezzo di reclusione, Arjan M. , come riporta Il Giornale, ha ottenuto un permesso premio di mezza giornata fuori dal carcere minorile di Cagliari. Se si comporterà bene potrebbe anche tornare libero per buona condotta già a dicembre, senza dover scontare l’intera pena di tre anni e quattro mesi alla quale è stato condannato.

Il ragazzo di nazionalità kosovara, è stato arrestato il 30 marzo del 2017, quando aveva 17 anni, dalla procura Antiterrorismo di Venezia. Insieme agli altri tre giovani componenti della cellula jihadista faceva il cameriere e viveva a due passi da piazza San Marco. Intercettato dagli investigatori, aveva detto di voler far saltare in aria uno dei simboli più preziosi del patrimonio artistico di Venezia, il Ponte di Rialto: “Noi qua in 3-4 giorni facciamo uno Stato Islamico” diceva. Ai tempi la procura era convinta di aver sgominato in tempo la cellula prima che entrasse in azione.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina