Qatar: sciopero dei lavoratori, sempre più vessati, sfruttati, umiliati 

in Esteri/Le Brevi
Gli utenti dei social media hanno condiviso le riprese video degli operai edili in Qatar che scioperano in risposta alle disumane condizioni di lavoro che hanno affrontato durante la costruzione dello stadio per i prossimi Mondiali del 2022. Lo sciopero è iniziato domenica con migliaia di lavoratori che protestavano alla periferia di uno dei loro luoghi di lavoro. Ci sono fino a 28.000 lavoratori migranti che aiutano a costruire / rinnovare gli otto stadi di cui il Qatar ha bisogno per i Mondiali, con quei lavoratori che ricevono l’equivalente di circa $ 1 all’ora per lavorare in condizioni estremamente pericolose.
Uno dei motivi principali di questo sciopero è che questi salari irrisori sono spesso ritardati, il che significa che i lavoratori essenzialmente non ricevono un risarcimento immediato per il lavoro che stanno svolgendo, qualcosa che è necessario per la sopravvivenza di loro e delle loro famiglie.
Per quanto riguarda la sicurezza dei lavoratori, le condizioni di lavoro in Qatar sono state orribili, con una media di un lavoratore per giornata lavorativa che muore durante la costruzione dello stadio e riferisce che il bilancio delle vittime potrebbe persino raggiungere 4.000 persone prima dell’inizio della Coppa del Mondo.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

 

Costantino Pistilli

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina