Terrorismo: 582 famiglie marocchine prigioniere dell’Isis

in Esteri/Le Brevi

Un servizio giornalistico ha rivelato la dolorosa realtà vissuta da 582 famiglie marocchine, tra cui donne e bambini, nei campi di detenzione dell’inferno della guerra siriana, Aspettando il via libera del governo marocchino per tornare a casa.

Il quotidiano marocchino Al-Sharq Al-Awsat ha pubblicato lunedì i dettagli delle vite dei marocchini detenuti nel campo dell’Isis. Nella sua intervista al giornale, una donna marocchina di 44 anni ha raccontato come suo marito l’ha persuasa a viaggiare da Tétouan, Marocco, per quello che doveva essere un viaggio turistico in Turchia, invece poi poi si è trovata con le tre figlie schiava dei terroristi dell’Isis in Siria,poi lei e le sue tre figlie sono diventate guerriere. Un destino toccato a molte altre donne marocchine costrette a vivere in zone di combattimento, ad assistere alle esecuzioni sul campo e a vedere cadaveri dispersi nelle strade, a sopravvivere alla fame, alla guerra.


In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

 


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina