Monza, bambina di 10 anni portata al pronto soccorso dai genitori: è cocainomane La piccola, di Vimercate, è seguita anche da un’equipe di psichiatri.

in Cronaca

Scoperta choc al pronto soccorso di Monza, dove una coppa di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza ha portato la figlia di 10 anni, V elementare: la piccola, che aveva reazioni del tutto fuori controllo, è risultata cocainomane. Lo hanno rivelato gli psichiatri che l’hanno esaminata. Il primario, Dottor Antonio Amatulli, ha parlato della vicenda come “segno dei tempi”, ma appunto per questo il fatto è ancora più grave. Tanto più che la famiglia della bambina è apparsa “normale”, senza problemi di droga. Tuttavia non è la prima volta che la paziente ha reazioni simili: anche a scuola. Alla fine la situazione è peggiorata, così i genitori hanno deciso di rivolgersi ai medici. Quest’ultimi hanno quindi appurato che la piccola aveva già cominciato a fumare spinelli, poi era passata alla cocaina. Si è trattato di un uso sporadico di droga, ma gli effetti sono stati inevitabili.

La bimba ha raccontato che spesso rimaneva sola, perché i genitori lavoravano molto, e da sola andava anche in giro, con i soldi della paghetta ricevuta da mamma e papà. “Fuori” ha incontrato sicuramente spacciatori senza scrupoli, che si sono approfittati della sua giovanissima età, riportano diversi media. Si tratta di ragazzi spesso non molto più grandi della bambina di questa storia. Lei però non ha fatto nomi: ha troppa paura. Dopo il ricovero, è stata inserita in una comunità per minori, dove sarà sottoposta ad un lungo percorso di disintossicazione, nel quale i medici hanno deciso di coinvolgere anche la famiglia.


Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina