Auto di lusso e milioni di dollari: questa la vita di alcuni Fratelli Musulmani. La denuncia di un affiliato

in Esteri/Le Brevi

In una registrazione audio trapelata, un membro dei Fratelli Musulmani ha parlato di irregolarità finanziarie e appropriazione indebita tra i leader del gruppo che sono fuggiti in Turchia. Il gruppo dei Fratelli Musulmani è stato designato dallo stato egiziano come terrorista dalla fine del 2013.  Si ritiene che l’audio, trapelato da Omar Hassan, un membro dei Fratelli Musulmani, appartenga ad Amir Bassam, un ex membro del Consiglio Shura durante il governo di L’ex presidente Mohamed Morsi, affiliato ai Fratelli Musulmani, è morto nel giugno 2019.  Bassam si è lamentato dell’audio contro il figlio di Mahmoud Hussein, il segretario generale del gruppo dei Fratelli Musulmani, che ha acquistato un’auto per $ 100.000 per passeggiare per le strade di Istanbul, mentre il resto della gioventù del gruppo in Turchia era ansioso di ottenere aiuti finanziari.  Ha affermato di non riconoscere quei leader che sottraggono denaro e donazioni al gruppo per acquistare appartamenti di lusso, sia in Turchia che altrove.

Bassam ha affermato di essere fedele alla guida del gruppo Mahmoud Ezzat e Mohamed Badie, la guida suprema del gruppo, rifiutando di riconoscere Mahmoud Hussein e Ibrahim Mounir.

Secondo le informazioni riportate dal giornale Al-Arabiya la disputa è iniziata quando una figura di Fratellanza Musulmana ha donato $ 2 milioni, che sono stati poi dati a tre leader del gruppo in Turchia. Secondo le informazioni, i tre leader hanno acquistato un edificio residenziale arredato in Turchia per $ 1,2 milioni, mentre altri $ 700.000 sono stati dati ai tre individui.  I restanti $ 100.000 sono stati  spesi per comprare al figlio di Mahmoud Hussein un’auto moderna, menzionata da Bassam nella registrazione.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina