Si è spenta l’attrice Ilaria Occhini: aveva 85 anni Attiva al cinema, in teatro e in TV, aveva vinto il David di Donatello per “Mine vaganti” di Ozpetek.

in Cultura

Lutto nel mondo del cinema, del teatro e della TV: i media stanno annunciando in queste ore che si è spenta a Firenze, dov’era nata 85 anni fa, il 28 marzo 1934, l’attrice Ilaria Occhini. Era figlia dello scrittore Barna Occhini, nipote per parte materna dello scrittore Giovanni Papini (da bambina è stata protagonista del racconto breve La mia Ilaria”) e per parte paterna del senatore del Regno d’Italia Pier Ludovico Occhini. Era sposata da mezzo secolo con lo scrittore Raffaele La Capria.

Debuttò giovanissima, all’età di 19 anni, nel film Terza Liceo del regista Luciano Emmer, con lo pseudonimo di Isabella Redi, poi si diplomò all’Accademia nazionale d’arte drammatica di Roma. In televisione, diretta da Anton Giulio Majano, la portarono al successo gli sceneggiati L’Alfiere e Jane Eyre, mentre il debutto teatrale arrivò nel 1957 con l’Impresario delle Smirne di Carlo Goldoni, diretto da Luchino Visconti.


Numerosi anche i film di Ilaria Occhini, sebbene raramente nel  protagonista, come in Un uomo a metà, nel 1966. Nel 1992 ha recitato nella commedia Benvenuti in casa Gori, dei toscani Ugo Chiti e Alessandro Benvenuti (tra l’altro con lo stesso Benvenuti e Massimo Ceccherini), per il quale ha vinto Nastro d’argento alla migliore attrice non protagonista.

Nel 2005 ha interpretato il ruolo della madre in Provaci ancora prof, la famosa fiction su Rai1 con protagonista Veronica Pivetti. Nel 2008 è stata la protagonista di Mar Nero, film di Federico Bondi per cui ha ottenuto diversi riconoscimenti, come la candidatura ai David di Donatello e la vittoria del Pardo d’Oro alla miglior attrice al Festival internazionale del film di Locarno. Nel 2010 ha vinto il David di Donatello come migliore attrice non protagonista (la nonna) con il celebre Mine vaganti di Ferzan Ozpetek (con tra gli altri Riccardo Scamarcio, Alessandro Preziosi, il compianto Ennio Fantastichini, ed Elena Sofia Ricci) e ha ottenuto il Nastro d’argento alla carriera. Sempre per Mine vaganti ha vinto il premio intitolato ad un’altra grande del nostro cinema e della nostra TV, Alida Valli, per la migliore attrice non protagonista al Bif&st 2011. In televisione l’abbiamo vista, ancora nel 2011, nella miniserie La ragazza americana su Canale 5 con Giulio Berruti, Vanessa Hessler, Orso Maria Guerrini e Giovanni Guidelli.

Nella vita di Ilaria Occhini non è mancato neppure l’impegno politico, prima con i Radicali di Marco Pannella ed Emma Bonino (candidandosi alle elezioni politiche del 1987 e alle europee nel 2004), ma nel 2008 ha aderito alla lista Pro Life di Giuliano Ferrara, che le aveva proposto di presentarsi nel collegio del Lazio.

Per il resto si dedicava con passione insieme alla figlia alla cura dei vigneti dell’azienda agricola di famiglia nell’Aretino.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it