Spread, su di 195: i motivi politici Le tensioni politiche pesano su Piazza Affari. Rallentano anche le altre Borse europee.

in Economia

Lo spread BTp-Bund (differenza dei titoli di stato italiani con quelli tedeschi) va male e rischia di peggiorare.

Le tensioni politiche nella maggioranza, con il rischio che cada il governo con la situazione di incertezza che ne seguirebbe, pesano su Piazza Affari, sottolinea Il Sole24Ore.


Il vicepremier Matteo Salvini ha fatto capire la crisi con l’ “alleato” M5S (“a colpi di no l’Italia non va avanti”, ha detto il leader del Carroccio), mentre il vicepremier Luigi Di Maio l’aveva esclusa.

“Tra gli osservatori, c’è già chi inizia a ragionare su elezioni anticipate al prossimo autunno – fa presente Il Sole – Gli investitori hanno iniziato a vendere con convinzione soprattutto le azioni delle banche e delle utilities, quelle che saranno più penalizzate dall’incertezza politica e dal conseguente rialzo dei tassi di interesse. Non a caso lo spread è subito balzato in avanti di oltre 10 punti, portandosi in area 196 punti. I rendimenti dei Btp a dieci anni, dai minimi di ieri in area 1,5%, sono risaliti sopra l’1,6%.
Il rischio di una crisi politica in Italia si è fatto sentire sulle Borse europee, che dopo un vivace rialzo, hanno avuto una brusca frenata, con 1,5% che sono risaliti sopra l’1,6%.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Ultime da Economia

Vai a Inizio pagina