Panini, America interessata ad acquistarla Ma l’ad italo-argentino, Aldo Hugo Sallustro, vuole mantenere la produzione a Modena.

in Economia/Le Brevi

Un altro marchio italiano, per quanto famoso nel mondo, rischia di non esserlo più: parliamo della Panini, storica produttrice di figurine di calciatori dal 1954, stampatrice di strisce dei fumetti di Topolino e della Marvel. Una delegazione americana si è recata a Modena, sede produttrice della ditta, per proporre un’offerta d’acquisto per rilevare il pacchetto azionario dall’attuale amministratore delegato italo-argentino Aldo Hugo Sallustro e dalle bolognesi Anna e Maria Teresa Baroni (la prima presidente della Panini). La notizia è stata diffusa dalla Gazzetta di Modena, che parla di un’offerta consistente dagli USA. La Panini ha un fatturato di un miliardo di euro.

Sallustro (entrato nell’azienda nel ’92 rilevandola con alcuni investitori italiani tra cui De Agostini Editore) non sembra propenso ad accettare l’offerta, perché vuole che “il cuore produttivo” della Panini rimanga a Modena: già ne aveva rifiutato un’offerta dalla Cina qualche mese fa.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Economia

Vai a Inizio pagina