Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore 4, quello del disastro nucleare Il presidente ucraino: “Corridoio verde per far accedere i turisti nella zona di esclusione”.

in Esteri/Le Brevi

E’ stato ufficialmente inaugurato e attivato, a Chernobyl, in Ucraina, il nuovo “scudo” protettivo che copre il reattore numero 4, quello la cui esplosione provocò, nella notte 26 aprile 1986, il più grande disastro nucleare civile della storia. Lo reso noto il Tgcom.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha emesso un decreto che stabilisce la nascita di un “corridoio verde” per permettere ai turisti di entrare nella cosiddetta “zona d’esclusione” attorno a Chernobyl, che deve essere “mostrata al mondo”, ha detto il capo di Stato. Perché tutto ciò? Perché “la Zona di esclusione è ancora un simbolo di corruzione – ha spiegato Zelensky – funzionari pubblici estorcono soldi dai turisti e c’è anche un traffico di metallo. Porremo presto fine a tutto questo”.


“Il nuovo scudo protettivo, il New Safe Confinement – i cui lavori sono durati vent’anni – è alto 110 metri, lungo 165 e largo 257, e pesa ben 36.200 tonnellate” si legge sul Tgcom. “E’ costato 1,5 miliardi di euro ed è stato finanziato con un fondo speciale lanciato dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo e sponsorizzato da 45 Paesi” … dovrebbe limitare le fughe radioattive per 100 anni”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina