Burkina Faso, spose bambine: 1 su 10 ha meno di 15 anni

in Diritti Umani/Donna/Esteri

In Burkina Faso la metà delle ragazze viene costretta a sposarsi prima dei 18 anni e 1 sposa su 10 ne ha meno di 15, lo rivela l’UNICEF, che ha lanciato una campagna dal titolo “Non chiamatemi signora”, per sensibilizzare sul fenomeno tra minori nel Paese africano. In generale il Burkina Faso è al quinto posto per tasso di matrimoni tra minori, si legge sul Messaggero, che ha riportato la notizia.

Naturalmente le “spose bambine” devono lasciare la scuola, vengono sottoposte a violenza sessuale da parte dei mariti e spesso muoiono per le gravidanze precoci. Magari non riescono a portarle a termine o i bambini muoiono poco dopo.

Come testimonial per la campagna UNICEF è stato scelto il cantante e ballerino burkinabé Smarty, molto famoso in patria. L’artista ha scritto una canzone ad hoc, “Ombre nella notte” che racconta la storia di una ragazzina sposata a forza. C’è anche il video. “Molti di noi – ha ammesso il cantante – sono nati da questo genere di matrimoni, da madri che non hanno scelto il loro marito ma poi si sono adattate a trovare una forma di equilibrio”. Smarty non vuole entrare a gamba tesa contro questa usanza, ma solo far riflettere: “Questa ragazzina potrebbe essere mia figlia”, dice. L’UNICEF ha anche chiesto aiuto anche alla Sika Kaboré, premiere dame del Paese africano. La signora Kaboré, dal 2006 è a capo della KIM Foundation, un’organizzazione che si occupa di salute preventiva di donne e bambini.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Diritti Umani

Vai a Inizio pagina