Misoginia sui social: la maggioranza boccia un emendamento sul Codice rosso La Commissione del Senato dà il via libera al disegno di legge, ma c’è stata la bocciatura dell’emendamento contro la violenza sulle donne via web.

in Attualita'/Politica

Oggi, martedì 9 luglio, la maggioranza ha bocciato un emendamento sostenuto dalle opposizioni al disegno di legge che introduce il Codice rosso all’esame della commissione Giustizia del Senato riguardante la violenza contro le donne sui social. Lo annuncia il quotidiano La Stampa.

La decisione arriva proprio nelle ore in cui il sottosegretario alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora accusa il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini di usare un linguaggio maschilista, che incita all’odio contro le donne. L’emendamento contro la violenza verbale basata sul genere era appoggiato anche da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, a sua volta vittima di insulti sessisti per essersi pronunciata contro l’attività delle ong.


Le opposizioni giudicano “incomprensibile” la bocciatura dell’emendamento. “Evidentemente queste vicende non sono una priorità della maggioranza”, ha attaccato il capogruppo Pd Andrea Marcucci.

Il capogruppo 5 Stelle al Senato, Stefano Patuanelli, ha risposto che il vero interesse delle opposizioni era “spostare in avanti il disegno di legge sul taglio dei parlamentari più che anticipare il Codice Rosso”, mentre in serata la senatrice pentastellata Elvira Evangelista, relatrice del Ddl ha osservato che “C’era ‘evidente problema di forma e di procedura … L’introduzione del reato di odio contro le donne è sicuramente importante, merita il massimo della nostra attenzione. Ma non si può agire in questo modo estemporaneo e improvvisato, rischiando di rallentare e complicare l’iter di una legge urgente come il Codice Rosso. Fra pochi giorni concluderemo un grande lavoro dando all’Italia un provvedimento organico che colpisce nelle varie forme violenza domestica, intolleranza e discriminazione di genere”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Vai a Inizio pagina