Contatti con la camorra, giudice di Napoli arrestato per corruzione in atti giudiziari In manette anche altre 4 persone e 5 indagate.

in Cronaca/Le Brevi

Un’inchiesta condotta dalla Procura di Roma ha portato all’arresto del gip di Ischia Alberto Capuano, 60 anni, in servizio presso la sede distaccata sull’isola del tribunale di Napoli. La notizia, riportata da diversi media, è di queste ore. In manette sono finiti anche il consigliere circoscrizionale della X municipalità di Bagnoli (Napoli), Antonio di Dio, l’imprenditore Valentino Cassini e il pregiudicato Giuseppe Liccardo, che secondo investigatori ed inquirenti è vicino al clan Mallardo di Giugliano. Arresti domiciliari invece nei confronti di Elio Bonaiuto, avvocato del foro di partenopeo.

Gli indagati sono accusati a vario titolo di corruzione nell’esercizio della funzione, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio e in atti giudiziari, traffico di influenze illecite, millantato credito, tentata estorsione e favoreggiamento personale. In corso perquisizioni nelle loro case ed uffici da parte della squadra mobile capitolina.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina