Iran, superato il limite dei 300 kg di uranio arricchito

in Esteri

Giorni fa Teheran aveva annunciato di essere sul punto di superare il limite dei 300 kg di uranio arricchito stabilito dall’accordo del 2015 sul nucleare e ora tale superamento sarebbe avvenuto al 3,76% (dopo il ritiro degli Stati Uniti di Donald Trump dall’intesa nel maggio 2019). Lo fanno sapere i media nazionali, che citano l’agenzia di stampa semiufficiale iraniana Fars.

Il 17 giugno scorso il portavoce dell’Organizzazione della Repubblica Islamica per l’energia atomica, Nehrouz Kamalvandi, aveva avvertito che era iniziato “il conto alla rovescia per superare il tetto dei 300 chilogrammi”, evento che sarebbe avvenuto nell’arco di dieci giorni.

L’Iran ha deciso di intensificare la produzione di uranio arricchito a seguito della reintroduzione delle sanzioni americane. Sostiene di usarlo per alimentare i reattori, ma l’Occidente, gli USA in particolare, e Israele, temono che serva per arrivare ad ottenere armi nucleari: la bomba atomica.

Si tratta di insomma di una violazione graduale da parte iraniana degli accordi presi con l’ex presidente statunitense Barack Obama, per costringere l’Europa a far pressione su Washington perché annulli le sanzioni (per altro è difficile che il Vecchio Continente possa esercitare quel tipo di pressioni).

Proprio per questo Teheran ha minacciato di aumentare il livello di arricchimento dell’uranio del 20% da domenica 30 giugno. Il che significa potenzialmente arrivare ad ottenere il 90% di materiale per produrre un ordigno. La tensione tra l’Iran e gli Stati Uniti continua.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina