Caldo: 4 morti in Italia, 2 in Spagna e la Francia batte il record storico con 44,3 gradi Tra le vittime 17enne deceduto a Cordova mentre lavorava nei campi.

in Esteri/Italia

Caldo record a giugno in Europa: si sono registrati addirittura quattro morti in Italia e due in Spagna, mentre la Francia ha battuto il record storico con 44,3 gradi. Molte le persone colpite da malore.

I decessi in Italia si sono verificati tutti nella giornata di ieri, giovedì 27 giugno, nelle regioni Lombardia, Marche e Veneto, informa Il Messaggero. Non hanno retto all’afa di questo inizio d’estate un senzatetto cardiopatico 72enne vicino alla Stazione Centrale di Milano, un pensionato di 82 anni nelle campagne di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) e un altro uomo, un 70enne, a Mozzecane, nel Veronese. Ancora, una donna che ieri attendeva gli amici per festeggiare il suo 63esimo compleanno, è spirata a Villadose, in provincia di Rovigo.


Sempre ieri, in Spagna, un uomo di 80 anni che si stava recando dal dentista a Valladolid, nella parte nord-occidentale del Paese, è stramazzato al suolo nel centro della città a causa di un colpo di calore. Oggi invece è morto un ragazzo di 17 anni (15 secondo alcune fonti), mentre stava lavorando in una tenuta di campagna nella storica città di Cordova, in Andalusia. L’adolescente ha cominciato a soffrire di vertigini e si è tuffato nella piscina della tenuta, ma non c’è stato nulla da fare.

Da giorni si parla del grande caldo che si è abbattuto anche sulla Francia, ma oggi, poco prima delle 14, ha battuto tutti i record nella cittadina di Carpentras (dipartimento di Vaucluse), nel sud del Paese. Nel 2013 furono raggiunti i 44,1 gradi nel dipartimento del Gard, sempre nella Francia meridionale, e precisamente nella regione dell’Occitania.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina