Per la prima volta il Marocco manda in Vaticano come ambasciatrice una donna (esperta in diritto islamico)

in Esteri/Speciale Vaticano

Per la prima volta un paese a maggioranza musulmana – il Marocco – ha nominato una donna come ambasciatore in Vaticano. La decisione è stata presa dal re Mohammed VI che ieri ha ricevuto a Rabat diversi ambasciatori. La lista includeva anche la studiosa Rajaa Naji Mekkaou che avrà il compito di rappresentare la nazione marocchina sia presso la Santa Sede che presso il Sovrano Ordine di Malta.

Raja Maji Mekkaou è stata per anni professore alla facoltà di scienze giuridiche a Rabat e prima ancora avvocato penalista. E’ l’unica donna ad avere tenuto, in passato, una lezione sul diritto islamico davanti al re del Marocco, nel quadro delle iniziative religiose durante il mese di Ramadan. Il tema scelto riguardava una riflessione sul primo versetto della Sura sulle Donne nella quale Dio dice: «Temete il signore Uomini, temete il vostro Signore che vi ha creati da un solo essere, e da esso ha creato la sposa sua, e da loro ha tratto molti uomini e donne. E temete Allah, in nome del Quale rivolgete l’un l’altro le vostre richieste e rispettate i legami di sangue. Invero Allah veglia su di voi».il Messaggero



Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina