Foto Arab News

La Turchia trivellerà a largo di Cipro nonostante il No dell’UE

in Esteri/Le Brevi

La Turchia ha fatto salpare una seconda nave da perforazione per il gas al largo della vicina costa orientale di Cipro, nonostante gli avvertimenti dell’Unione Europea di astenersi da tali azioni illegali o di dover affrontare sanzioni. Il ministro dell’Energia turco ha salutato la nave di 230 metri (750 piedi), la Yavuz, che può perforare fino a una profondità stimata di 12.000 metri (40.000 piedi), in una cerimonia di giovedì. Un’altra nave da guerra turca sta già scavando a 40 miglia dalla costa occidentale di Cipro, membro dell’UE, nelle acque in cui la nazione insulare etnicamente divisa ha diritti economici esclusivi. Il governo cipriota ha condannato l’azione turca come una violazione del diritto internazionale e dei suoi diritti sovrani. I leader dell’UE riuniti a Bruxelles stanno meditando le possibili azioni contro la Turchia. Il ministro turco dell’Energia Fatih Donmez ha affermato che il suo paese difenderà i propri diritti e quelli dei cypriot turchi separatisti nelle riserve energetiche dell’area “fino alla fine” e continuerà a perforare “senza interruzioni”. Solo la Turchia riconosce una dichiarazione di indipendenza turco-cipriota.
In uno scavo ai 28 membri dell’UE, Donmez ha detto che la Turchia rifiuta “i tentativi da parte di attori di fuori della regione di delineare” il Mediterraneo orientale. Ha detto che lo Yavuz perforerà la costa orientale di Cipro nei prossimi mesi.
Cipro ha diviso la sua zona economica esclusiva al largo della costa meridionale in 13 blocchi o aree. La Turchia, che non riconosce Cipro come stato, dice che parti di tre isolati al largo della costa occidentale dell’isola si trovano all’interno della propria piattaforma continentale. I turco-ciprioti rivendicano la maggior parte di sette isolati nell’est.
Il governo cipriota afferma che i potenziali proventi del gas saranno condivisi equamente con i turco-ciprioti dopo che un accordo di riunificazione è stato concordato e ha creato un fondo in cui affluiranno tutte queste entrate.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

Costantino Pistilli

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina