Maturità 2019, “testo argomentativo” la traccia più scelta Il tema era su “L’illusione della conoscenza” di Steven Sloman e Philip Fernbach.

in Cultura

Oggi, mercoledì 19 giugno, è iniziato l’esame di Maturità 2019. La prima prova, come sempre il tema di italiano, ha avuto come traccia più scelta l’ “Analisi e produzione di un testo argomentativo” (Tipologia B), in particolare la traccia che partiva da un brano del libro “L’illusione della conoscenza” di Steven Sloman e Philip Fernbach. E’ piaciuta al 30,8% degli studenti, ottenendo  il 28,8% delle preferenze nei licei, il 34% negli istituti tecnici, il 32,2% nei professionali.

Il 20,1% dei maturandi, invece, sempre nell’ambito della Tipologia B ha scelto il brano tratto dal libro “Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà” di Tomaso Montanari, e il 13,1% “Tra sport e storia” , la traccia su Gino Bartali “Giusto tra le Nazioni”.

L’11% ha svolto l’analisi del testo di Leonardo Sciascia tratto dal romanzo “Il giorno della civetta” e l’8,5% la poesia “Risvegli” tratta da “L’Allegria, Il Porto sepolto” di Giuseppe Ungaretti e la traccia di attualità sul Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. L’8%, invece, ha deciso per il tema sull’eredità del Novecento. Si tratta di un’indagine campionaria rappresentativa eseguita su tutto il territorio nazionale. Domani, 20 giugno, seconda prova, quella d’indirizzo.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cultura

Vai a Inizio pagina