L’immondizia invade Roma dalla zona Prati alla Cassia passando per il centro. Romani arrabbiati, stanchi, delusi

in Cronaca/Le Brevi

L’immondizia sta invadendo Roma, letteralmente. Non bastava vedere cinghiali, maiali, pecore in zone quasi abbastanza centrali dell’Urbe, come se lo zodiaco urbanistico servisse ancora a salvarsi dalla suburra, ed ecco che  oggi stride l’appello del romanissimo Massimo Wertmuller che alganews.it scrive che i problemi del decoro, delle buche, della monnezza, delle erbe alte quanto il primo piano dei palazzi, posso escludere senz’altro la chiusura della metro per accertamenti che durano da mesi(!!!), siano dovuti, secondo vulgata, alla mancanza di soldi, ma a voi, amici facebook e amministratori vari, vi pare normale che dal Vaticano fino a via Crescenzio, parliamo per chi non è di Roma di una zona centralissima, battuta da turisti, pellegrini e uditori di udienze papali a migliaia ,che oltretutto bloccano Roma anche sotto questa fornace,vi pare normale, dicevo,che non esistano bidoni, raccoglitori, niente in cui si possa gettare una sola cartaccia? Io abito in queste zone, a Prati, e ormai parliamo non più di un quartiere che era davvero signorile, per niente snob, accogliente, elegante, ma di una specie di pampas, il Texas al confronto è la Reggia di Caserta… Mentre fanno da eco gli abitanti della Cassia, esausti di lottare contro lo sporco, l’immondizia, pure ben tassata, lì dove a inizio giugno Carolina, una bambina della zona,  non ha più voglia di andare a scuola. Perché davanti alla Little Star, una materna su via Cassia a Roma, appunto, l’immondizia circonda i cassonetti, già stracolmi da tempo: “Mamma non voglio andare a scuola, non voglio passare davanti alla puzza”. La mamma di Carolina vive lo stesso disagio di altri migliaia di romani. Roma puzza, lo dice una bambina, lo sta dicendo il futuro. E non solo.

 

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it



Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina