Arresto cardiaco per Andrea Camilleri: è grave in rianimazione al Santo Spirito di Roma Intanto il suo ultimo libro sul Commissario Montalbano è primo in classifica.

in Cultura

Momenti d’angoscia per Andrea Camilleri: dalle 9:15 di questa mattina il 93enne scrittore siculo dell’amatissima saga sul Commissario Montalbano, dopo essere caduto in casa e aver rotto il femore venti giorni fa, è ricoverato in gravi condizioni all’Arcispedale Santo Spirito di Roma a seguito di un arresto cardiaco, stanno dicendo in questa ultima ora i media nazionali. Camilleri è stato rianimato, ma da quel poco che trapela dal reparto ospedaliero, “il quadro clinico” del celebre autore “è molto serio”. La prima nota dell’ASL Roma 1 spiegava: “Arrivato in ambulanza in condizioni critiche per problemi cardiorespiratori è stato assistito dall’équipe dell’emergenza al Pronto Soccorso Santo Spirito e trasferito presso il Centro di Rianimazione dell’ospedale”. Il prossimo bollettino medico sulle condizioni di Camilleri sarà diffuso alle 17:00.

Intanto sui social stanno arrivando numerose manifestazioni di solidarietà per l’inventore del personaggio impersonato da Luca Zingaretti sul piccolo schermo (tra l’altro Camilleri ha fatto discutere anche pochi giorni fa per un botta – e risposta con il ministro dell’Interno Matteo Salvini riguardo alla sua gestione non condivisa dell’immigrazione irregolare). Le prime parole di sostegno sono del collega Maurizio De Giovanni, che su Facebook scrive: “Adorato Maestro Al tuo fianco, momento per momento.”


Intanto l’ultimo libro appena uscito sul Commissario Montalbano, “Il cuoco dell’Alcyon”, è in vetta alle classifiche di vendita. Scritto 13 anni fa, è stato stilisticamente rimaneggiato di recente da Camilleri, che in un’intervista a Fanpage.it aveva spiegato: “Quello che posso dire è che non si tratta tanto di un romanzo, quanto di un metaromanzo dove il Commissario dialoga con me e anche con l’altro Montalbano, quello televisivo”. E aveva anche detto: “Finirà Montalbano, quando finisco io”.

Il prossimo 15 luglio, dice ancora il portale, Camilleri era atteso per la prima volta alle Terme di Caracalla per raccontare il suo spettacolo “Autodifesa di Caino”. Qualche tempo fa l’autore aveva dichiarato: “Se potessi vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio ‘cunto’, passare tra il pubblico con la coppola in mano”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cultura

Vai a Inizio pagina