Notre – Dame: prima messa dopo il rogo Presenti quasi solo religiosi, pochi e con elmetto di sicurezza come ordinato.

in Esteri/Le Brevi

Si è tenuta alle 18 di ieri, sabato 15 giugno, in una cappella sicura dietro al coro, la prima messa a Notre-Dame a due mesi esatti dal rogo. Tuttavia pochissimi erano i fedeli: per il resto c’erano religiosi con l’elmetto di sicurezza, raccontano i media. Ha celebrato il vescovo di Parigi, Mons. Michel Aupetit (il quale ha detto che senza la presenza di Cristo, la cattedrale sarebbe crollata), ed era presente il rettore della cattedrale, Mons. Patrick Chauvet. La funzione, che coincideva con la Festa della Dedicazione, è stata trasmessa in diretta dall’emittente televisiva religiosa KTO e seguita da milioni di spettatori, a cui ha fatto riferimento il vescovo sull’altare.

Presenti alcuni canonici, volontari, lavoratori del cantiere per la ricostruzione ed impiegati della diocesi. Non c’era il coro, ma solo un cantore. C’erano in tutto soltanto una trentina di persone, la metà dei quali in abito talare.

Non si è potuto nemmeno assistere ai Vespri all’esterno di Notre-Dame, cosa in cui i fedeli speravano: il piazzale rimane chiuso.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina