Famiglia Agnelli, nuovo lutto: muore il nipote di Clara Nasi, cugina dell’Avvocato L’imprenditore, Clemente Ferrero, 52 anni da compiere, stava disputando una partita di calcio.

in Cronaca

Un nuovo lutto colpisce la famiglia Agnelli: infarto durante la tradizionale partita di calcio all’Allianz Stadium di Torino per il raduno annuale di tutti i rami della famiglia (inclusi i Camerana) fondatrice della Juventus per il Marchese Clemente Ferrero de Gubernatis di Ventimiglia, (quasi) 52 anni, figlio di Edoardo e nipote di Clara Nasi, cugina dell’Avvocato, Gianni Agnelli, e dei suoi fratelli. Si erano ritrovati familiari da tutto il mondo (bambini inclusi), per assistere al match (giocato con la maglia della Juventus), durante il quale è avvenuta la tragedia.

Clemente Ferrero si è accasciato in campo e ha perso i sensi. E’ stato subito soccorso, ma invano. Trasportato da un’ambulanza del 118 all’Ospedale Maria Vittoria, è spirato all’arrivo, poco dopo le 13 di ieri, domenica 15 giugno.


L’imprenditore, donatore di organi, avrebbe fatto certo lo stesso con i suoi, così la famiglia ha dato immediatamente l’assenso: donati polmoni, cute e cornee, tra l’altro per una procedura che va compiuta entro 6 ore, hanno spiegato i medici del Maria Vittoria.

Residente a Milano, Clemente Ferreo era tornato a Torino anche per partecipare, giovedì mattina, alla messa di suffragio per i 30 anni dalla scomparsa di Gianluigi Gabetti, tenutasi al Santuario della Consolata. Il cugino dell’Avvocato lascia la moglie Giovanna e tre figli, Edoardo, Viola e Giovanni.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina