Campionato mondiale di calcio femminile: oggi l’Italia incontrerà la Giamaica La partita si disputerà alle 18 e sarà visibile su Sky Mondiali e RAI 2.

in Sport

Altra giornata del Campionato mondiale di calcio femminile: alle 18, allo stadio Auguste Delaune di Reims, l’Italia della ct Milena Bertolini, vincitrice per 1- 2 contro l’Australia, sfiderà la Giamaica. Sarà la partita decisiva per il passaggio agli ottavi di finale, sottolineano i media.

La Giamaica è reduce dalla sconfitta per 3 – 0 contro il Brasile, ma nel 2019, allenata dal britannico Hue Menzies, ha vinto 3 volte e pareggiato 1 (a fronte di 2 sconfitte). Ha avuto la meglio 2 volte in amichevole contro il Cile e una (ai rigori) contro il Panama: con questa vittoria può essere annoverata tra le squadre migliori del mondo. E’ notevole per atletismo e velocità, sottolinea Quotidiano.net, ma la nostra la supera in preparazione tecnica. La conferma arriva dai bookmakers, che propendono per la vittoria dell’Italia. La ct Bertolini ha dichiarato: “Vedo le ragazze molto concentrate, sanno che questa partita è la più difficile e che nasconde tante insidie perché la Giamaica è in quarta fascia e non ha lo stesso blasone dell’Australia. Hanno giocatrici di grande velocità e fisicità – ha osservato – qualità che nel calcio femminile fanno la differenza”.

Formazioni? L’Italia dovrebbe essere confermata tutta (a parte un’eventuale sostituzione di Mauro con Sabatino), dopo il successo contro l’Australia, mentre la Giamaica dovrebbe decidere per un 4-2-3-1 con Williams e Carter esterne e Brown dietro Shaw come punta.

Le “reggae girls”, soprannome delle le calciatrici della nazionale giamaicana, non vengono chiamate così soltanto per via della provenienza geografica legata al celebre genere musicale reso famoso da Bob Marley, ma anche perché finanziata dalla figlia maggiore del leggendario Bob, Cedella. Oltre che cantante e scrittrice, è un’affermata imprenditrice molto impegnata nel sociale e si è resa immediatamente conto che la federazione di Kingston non aveva operato gli stessi tagli per la nazionale giamaicana maschile, a causa dei quali quella femminile rischiava di scomparire.

Perciò, accusando di maschilismo la Federazione, ha pagato di tasca propria perché il team potesse continuare. Non solo: con i fratelli Stephen e Damian, Cedella ha inciso l’inno “Strike Hard” (“Tira forte”) e il logo della fondazione intitolata a suo padre si trova sulle magliette delle giocatrici. Vedremo dunque come andrà stasera: la partita si potrà seguire in diretta su Sky Mondiali e sul RAI 2.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Sport

Vai a Inizio pagina