USA: scontri a Memphis dopo l’uccisione di un afroamericano da parte della polizia

in Esteri/Le Brevi

Dopo che un agente della task force regionale dei Marshals, un’agenzia federale di polizia penitenziaria, ha ucciso un ragazzo afroamericano, Brandon Webber, 20 anni, in un quartiere operaio della città, sono  scoppiati nella notte  tensione e scontri a Memphis, nello stato del Tennessee.L’assassinio ha scatenato le proteste dei cittadini che si sono radunate nella notte tra mercoledì e giovedì e hanno lanciato pietre e mattoni contro le forze dell’ordine: al momento il bilancio è di 25 agenti e due giornalisti feriti e tre persone arrestate. Nella nottata di scontri sono rimasti feriti anche due giornalisti. Secondo le ricostruzioni, il 20enne Brandon Webber – sul quale pesavano diversi mandati di cattura – sarebbe stato ucciso mentre cercava di scappare dalla polizia: contro di lui sarebbero stati sparati 20 colpi di arma da fuoco.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it



Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina